Legrottaglie, calcio si doveva fermare

'Priorità è salute persone. E a porte chiuse che spettacolo è?'

(ANSA) - PESCARA, 29 FEB - "Per quanto riguarda il Coronavirus e lo sport, il calcio in particolare, io rispetto le decisioni, ci mancherebbe, ma il mio parere è che deve esserci uniformità. Se non si fa giocare una partita non bisogna far giocare anche tutte le altre. Perché se la priorità è la salute delle persone, come è, allora si doveva fermare il campionato per due settimane. Giocare a porte chiuse non è calcio. Il calcio è spettacolo. Senza pubblico che spettacolo è?". Lo ha detto questo pomeriggio l'allenatore del Pescara Nicola Legrottaglie a proposito dell'emergenza Coronavirus, nel corso della presentazione di Pescara-Ascoli, in programma domani alle 21 allo stadio Adriatico.
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie