"L'albero di more", disco di Paolo Sofia

Lo smarrimento di una generazione tra lotte sociali e poesia

(ANSA) - CATANZARO, 4 GIU - La disperazione e la passione di un Sud che vuole combattere per una vita migliore. Ma anche la rivoluzione, l'immigrazione, la fatica e la poesia. C'è questo e altro ancora nel disco "L'albero di more" (edito da CalabriaSona), il nuovo album da solista del cantautore calabrese Paolo Sofia, frontman e anima creativa del gruppo etno-folk "QuartAumentata".
    Il disco, ispirato al romanzo "La maligredi" di Gioacchino Criaco, è disponibile negli store digitali e nei negozi. Sofia, nel disco, così come accade nel libro dell'autore di "Anime nere", racconta lo smarrimento di una generazione che vedeva i padri partire per terre lontane e le madri spezzarsi la schiena nella raccolta dei gelsomini. I brani parlano di aspirazioni, sogni e delusioni di interi paesi a sud del mondo che volevano far sentire la loro voce. In questo contesto, cresce la consapevolezza dei diritti negati e pulsa la protesta operaia.
    "L'albero di more" si avvale anche di importanti collaborazioni.
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA