Campania
  1. ANSA.it
  2. Campania
  3. Sanità Campania
  4. Aggressioni a medici:Zuccarelli, comunicare per contrastarle

Aggressioni a medici:Zuccarelli, comunicare per contrastarle

Presidente Ordine Napoli, episodi sempre più frequenti

(ANSA) - NAPOLI, 04 OTT - In un anno sono 50 le aggressioni fisiche ai danni del personale sanitario nella sola città e provincia di Napoli, episodi che si susseguono con drammatica frequenza e che spesso hanno origine dalle difficoltà relazionali tra medico e paziente.
    "Ritmi di lavoro sempre più stressanti e lungaggini burocratiche, a volte anche la scarsa formazione dei medici agli aspetti relazionali - dice il presidente dell'Ordine dei Medici di Napoli Bruno Zuccarelli - hanno impoverito notevolmente la dimensione umana dell'arte medica, rendendo il rapporto con il paziente sempre più distaccato e frettoloso. Il malessere di questa relazione si riflette anche nella crescente conflittualità tra i medici e i loro pazienti, come evidenziato dall'aumento vertiginoso dei contenziosi e purtroppo anche delle aggressioni. Una migliore comunicazione può ridurre queste situazioni, ma contro gli atteggiamenti camorristici serve presenza delle istituzioni e lo status di pubblico ufficiale".
    Proprio per sostenere i camici bianchi nel difficile compito di relazionarsi con chi ha bisogno di cure, all'Ordine dei Medici di Napoli si è tenuto oggi un importante confronto sui vari aspetti della comunicazione medico-paziente. Un rapporto che può essere molto importante anche per gli esiti della cura, come ormai da tempo confermano le evidenze cliniche. La capacità del medico di comunicare efficacemente e di creare una buona relazione è un elemento fondamentale del processo di cura, poiché influenza la prognosi sia indirettamente, attraverso l'osservanza delle prescrizioni, sia direttamente. Ancora poco, invece, sono conosciuti gli aspetti della diffusione delle notizie mediche attraverso i mezzi di comunicazione e i nuovissimi social-media.
    «Questo è un campo nel quale non ci si può improvvisare - ha detto - è essenziale che i colleghi che si occupano di sanità siano opportunamente formati e che abbiano gli strumenti conoscitivi per adempiere ad un compito così delicato. Direi che una grande responsabilità ricade anche sui direttori nell'assegnazione dei servizi", dice Ottavio Lucarelli, presidente dell'Ordine dei Giornalisti). (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA



        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere


        Modifica consenso Cookie