Pochi studenti maschi scelgono studi all'estero, molte le ragazze

Ricerca Fondazione Intercultura. 80% di chi parte viene da liceo

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 11 OTT - Ben 7.400 adolescenti delle scuole superiori, secondo le stime di Fondazione Intercultura, hanno trascorso un periodo tra i 3 o 6 mesi o l'intero anno scolastico all'estero con un incremento del +111% dal 2009. Un importante passo in avanti nel lento ma inarrestabile cammino della scuola italiana nell'apertura verso esperienze di formazione internazionali. Eppure, sembra che una parte considerevole dell'universo adolescenziale fatichi a rendersi conto di questi potenziali benefici e non trovi i mezzi per superare le paure e mettersi in gioco. I dati non lasciano dubbi: si tratta soprattutto dei giovani maschi italiani, che vivono un'esperienza di studio all'estero solo nel 38% dei casi, contro il 62% delle coetanee femmine.
    È quanto emerge dalla ricerca 2018 dell'Osservatorio nazionale sull'internazionalizzazione delle scuole e la mobilità studentesca promossa dalla Fondazione Intercultura in collaborazione con Ipsos (www.scuoleinternazionali.org). La ricerca, che ha coinvolto oltre 800 studenti delle scuole superiori con l'obiettivo di sondare le motivazioni per cui la proposta di un'esperienza all'estero in età adolescenziale trovi terreno fertile più facilmente tra le ragazze, è stata presentata oggi dinanzi a 400 studenti delle scuole superiori lombarde nella sede dell'Assolombarda alla presenza di esperti del settore dell'educazione: il Professor Carlo Buzzi, sociologo e docente presso l'Università di Trento, la Professoressa Anna Granata dell'Università di Torino, Andrea Peduto, responsabile delle risorse umane di Edison Spa, Nando Pagnoncelli di Ipsos e il Segretario Generale di Fondazione Intercultura Roberto Ruffino. Chi parte proviene prevalentemente (l'80%) da licei (dove è maggiormente concentrata la popolazione femminile) e in maggioranza si tratta di studenti brillanti, visto che il 60% di loro si considera tra i migliori della classe (si ritiene tale il 49% delle ragazze contro il 37% dei ragazzi).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA