Teen

Le aule scolastiche alternative dell'anno Covid, dalle palestre alla fiera

A Roma lezioni in aree archeologiche, prefabbricati a Milano

La scuola in Fiera a Bologna nel Padiglione 34 trasformato in una “mega” scuola da 75 aule per ospitare 1.600 studenti di tre istituti bolognesi, i Licei Minghetti e Sabin e l’Istituto di Istruzione Superiore Pier Crescenzi Pacinotti Sirani. © Ansa
  • (di Paola Lo Mele)
  • ROMA
  • 14 settembre 2020
  • 20:44

Monumenti, prefabbricati, tendoni, palestre e parrocchie e persino fiere. Tra le mille difficoltà dell'avvio dell'anno scolastico al tempo del Covid, le aule italiane si spostano anche al di fuori degli istituti. L'epidemia e la necessità di mantenere il distanziamento sociale ha obbligato Comuni e scuole ad ingegnarsi in tutti i modi per recuperare spazi idonei. Se a Milano Palazzo Marino ha acquistato cinquanta moduli temporanei per ospitare alcune classi, a Roma il Municipio I ha raggiunto un accordo con la direttrice del Colosseo per consentire agli studenti del centro storico di fare lezione all'ombra dell'Anfiteatro Flavio. E anche il Vicariato è sceso in campo offrendo 13 parrocchie e due istituti religiosi per accogliere 68 classi.
    A Milano è partita dall'istituto comprensivo statale di Via Console Marcello l'installazione dei primi sei moduli temporanei comprati dal Comune e destinati a ospitare gli alunni di alcune aule oggetto di manutenzione. I prefabbricati sono composti da moduli organizzati in modo da garantire a ciascuna classe il doppio ingresso-uscita, servizi igienici dedicati e l'accessibilità per gli alunni disabili. Ma ogni istituto lavora per sé: a Vigevano (Pavia), ad esempio, il Caramuel-Roncalli ha acquistato tre maxi tendoni da allestire nella palestra dell'istituto per ospitare alcune lezioni.
    Tornando a Roma, lunedì, tre classi di una scuola elementare faranno lezione alla Curia Iulia al Foro Romano e nei Giardini Farnesiani sul Palatino. Tramite l'intesa con la direttrice del parco archeologico del Colosseo, il Municipio punta a reperire spazi alternativi soprattutto per le medie e le superiori che, più delle elementari, sono in difficoltà. Non finisce qui: l'ex circoscrizione romana sta lavorando anche con la direzione Musei del Lazio per bissare in altri spazi museali da adibire alla didattica. Al liceo Democrito, a Casal Palocco, la Città Metropolitana, invece, ha dato il via all'ampliamento di 10 aule tramite prefabbricati. E la stessa cosa, annuncia la vicesindaca Teresa Zotta, avverrà in altri istituti di Roma e provincia: "Metteremo a disposizione altre 60 aule. Per il resto stiamo lavorando molto sulle tramezzature interne. Sono poche le scuole che si sono organizzate per fare lezione in palestra".
    Una soluzione, quella delle palestre, invece, molto gettonata a Napoli, come fa sapere il presidente dell'associazione presidi campano Franco De Rosa. "Soprattutto nel capoluogo di regione mancano gli spazi - spiega - c'è difficoltà a trovare aree alternative e siamo ancora in attesa anche dei banchi monoposto". Attingendo alla proverbiale creatività partenopea, qui "ogni scuola 'inventa' il suo modello - continua De Rosa -: tante stanno adibendo le palestre per fare le lezioni a discapito dell'educazione fisica purtroppo; altre hanno diviso l'auditorium per ricavarne due o tre aule, mentre il collegio docenti si trasferisce in cortile...". 
Poi c'è la fiera: primo e unico caso sperimentale in Italia di utilizzo di uno spazio fieristico per il ritorno a scuola nel post lockdown legato alla pandemia è stato inaugurato a Bologna il Padiglione 34 della Fiera di Bologna trasformato a tempo di record in una “mega” scuola da 75 aule per ospitare 1.600 studenti di tre istituti bolognesi, i Licei Minghetti e Sabin e l’Istituto di Istruzione Superiore Pier Crescenzi Pacinotti Sirani. Il progetto, nato su iniziativa della Città metropolitana di Bologna e sviluppato dall’architetto Cucinella, vuole essere l’occasione per accogliere, dopo sette lunghi mesi, gli studenti a scuola in un’area ben collegata al trasporto pubblico e all’interno di uno spazio già attrezzato, molto ampio ed esistente, che consente di rispondere in tempi brevi a tutte le prescrizioni legate ai distanziamenti, imposte dalle normative Covid.
Tra mille difficoltà, sindaci, presidi e docenti  - ognuno come può - comincia. E l'organizzazione non riguarda solo le classi: anche gli arredi. C'è chi sega i banchi tradizionali in due e chi prova a riutilizzarli. In Sicilia a Monreale alcuni istituti potranno beneficiare di 60 banchi monoposto donati dal liceo artistico Picasso di Palermo.  "Così riusciamo a tamponare la situazione, in attesa della fornitura di tutti i banchi necessari", fa sapere l'assessore Rosanna Giannetto. Anche lei - come tutti - è alle prese con la febbrile organizzazione degli ambienti in attesa che suoni la prima campanella.

   

Vai al Canale: ANSA2030
Modifica consenso Cookie