Carlos Tavares apre 24 Ore Le Mans con la 908 diesel 700 Cv

Futuro Ceo Stellantis vanta 40 anni di carriera come pilota.

Redazione ANSA ROMA

Puntualmente, come accade con rarissime eccezioni dal 1923 (e alternando anche gli orari delle 15 e delle 16) alle 14.30 di sabato 19 settembre è scattata l'edizione 2020 della celebre 24 Ore di Le Mans, una delle gare più celebri e impegnative al mondo. Ma quest'anno gli obiettivi dei fotografi e dei video operatori hanno iniziato a 'immortalare' quanto accadeva sul circuito de la Sarthe, nell'omonimo dipartimento francese, già alle 13.05 quando con un rombo inconfondibile una Peugeot 908 HDI FAP V12 a gasolio da oltre 700 Cv ha aperto ufficialmente la pista con un giro d'onore. Al volante un pilota portoghese di 62 anni, che vanta nella sua carriera la partecipazione a 118 gare di diverse specialità, con 23 podi, tra cui il secondo posto all'Adac Total 24 Ore del Nuburgring nella categoria V2T. Un vero 'apripista' vip che risponde al nome di Carlos Antunes Tavares Dias e che altri non è che il Ceo del Gruppo PSA e il futuro numero uno di Stellantis, il conglomerato dell'automotive che sta nascendo dalla fusione di PSA con FCA. Tavares, da quando aveva 22 anni, ha sempre amato le auto da competizione ed è considerato non solo un ottimo pilota non professionista, ma anche un conoscitore della tecnica capace di valutare - in pista come in strada - le qualità di un'automobile. L'ultima esperienza in pista di Tavares, prima del giro a Le Mans, era stato il test della LMPH2G a Montlhery (https://www.youtube.com/watch?v=o4xoUBBqUs0&feature=youtu.be) apprezzando la rivoluzionaria berlinetta elettrica fuel cell che, per iniziativa dell'Automobile Club de l'Ouest, organizzatore della 24 Ore, e di Green GT punta nell'ambito di MissionH24 a creare una nuova categoria di vetture da far correre dal 2024.


Quest'anno, alla 24 Ore di Le Mans, Tavares ha anche presenziato alla presentazione della nuova identità di marca di Peugeot Sport (https://www.youtube.com/watch?v=IbeBwNoywIk) annunciata in occasione del suo ritorno alle gare di endurance dal 2022 in collaborazione con Total nella categoria Hypercar.

Ed ha tenuto a battesimo la concept car che anticipa l'aspetto della Peugeot Sport M che scenderà in pista dal 2022, quando la nuova categoria delle super-ibride - con motore elettrico anteriore da 272 Cv e motore termico posteriore da circa 700 Cv - realizzerà la tanto auspicata convergenza tra le auto e le gare del WEC e dell'IMSA.

''Sono onorato di avere aperto la 24 Ore di Le Mans del 2020 - ha commentato Tavares - Come sapete, sono appassionato di sport motoristici, del settore automobilistico e di tecnologia. E la 24 Ore di Le Mans combina tutte e tre le cose. La Peugeot tornerà presto a correre, e come antipasto di questa edizione, vorrei richiamare l'attenzione sul fatto che Peugeot tornerà nell'endurance nel 2022 e che il dietro al progetto c'è l'intera azienda. Peugeot ha vinto tre volte con due diverse tecnologie e ora puntiamo alla vittoria con la tecnologia ibrida. Vorrei ringraziare l'Automobile Club de l'Ouest per avermi dato questo privilegio. Inoltre - ha concluso il Ceo del Gruppo PSA - vorrei ringraziare di cuore tutte le squadre che si sfideranno e tutti coloro che contribuiscono all'organizzazione di questo evento, soprattutto in questi tempi difficili''.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie