Bmw Italia è nuovamente partner Master in Terapia Ricreativa

Iniziativa Università Vita-Salute San Raffaele con Dynamo Camp

Redazione ANSA MILANO

Attraverso il programma SpecialMente. Bmw Italia è nuovamente partner delMaster di I livello in Terapia Ricreativa, nato nel 2018 dalla collaborazione tral'Università Vita-Salute San Raffaele,la Dynamo Camp Onlusela Dynamo Academy, con lo scopo di formare a livello accademico operatori delle professioni sanitarie che realizzino percorsi di Terapia Ricreativa.

Il progetto è realizzato anche grazie al contributo non condizionante di Bmw Italia partner di Dynamo Academy nello sviluppo di progetti innovativi dal 2013 all'interno della strategia di Corporate Social Responsibility SpecialMente (www.specialmente.bmw.it).

Si tratta del primo Master Europeo in Terapia Ricreativa a fronte di numerosi corsi dello stesso livello ed anche di laurea presenti negli Stati Uniti. Coinvolge docenti delle tre facoltà di Medicina e Chirurgia, Psicologia, Filosofia dell'Università Vita-Salute San Raffaele e della Temple University di Philadelphia, quindi con vocazione di multidisciplinarietà e internazionalizzazione. Per questa seconda edizione sono in aula 12 partecipanti, con background personali e lavorativi differenziati, all'interno del mondo delle professioni sanitarie, tra cui psicologi, infermieri, educatori, terapisti della riabilitazione.Si tratta di professionisti che nel proprio lavoro operano a beneficio di persone in situazioni di disagio sociale, disabilità, fragilità permanente o temporanea, operando nella sfera clinica e socioeducativa del soggetto preso in carico.

Il Master è iniziato n modalità digitale presso l'Università Vita Salute sviluppandosi in un percorso di studio che alterna parti in aula e parti in digitale, e comprende una parte presso il Campus di Dynamo Academy per conoscere dal vivo il lavoro di Dynamo Camp.

La Terapia Ricreativa nata negli Stati Uniti, sviluppata negli anni dai Camp fondati da Paul Newman, e approdata in Italia grazie a Dynamo Camp nel 2007, costituisce un'esperienza migliorativa della qualità di vita per migliaia di ragazzi con patologie gravi o croniche, coinvolti ogni anno, a livello psicologico, motorio e di slancio vitale. Proprio a Dynamo Camp, l'esperienza della Terapia Ricreativa è stata ampliata nel 2020, offerta a nuovi beneficiari in condizioni di fragilità e disagio sociale: minori ospiti di case-famiglia, nuclei mamma-bambino che vivono in comunità protette, adulti con disabilità gravi ospiti di Residenze Sanitarie per Disabili. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie