Auto di lusso rubate in Italia e vendute all'estero, 11 arresti

Redazione ANSA ROMA

Auto di lusso rubate in Italia e vendute all'estero. La polizia ha arrestato 11 persone.
    Scoperta una catena di montaggio, basata su processi, tempi di azione e competenze tecniche precise, consolidate ed estremamente efficaci. Le indagini della polizia - coordinate dai sostituti procuratori Giuseppe Bontempo e Valerio De Luca della Procura di Latina - hanno portato ad eseguire, tra Italia e Francia, 11 custodie cautelari in carcere per altrettanti componenti di un' organizzazione criminale italo-francese. Ai membri dell'associazione criminale, i poliziotti della Squadra di Polizia Giudiziaria del Compartimento Polizia Stradale di Roma e del Distaccamento di Aprilia, hanno contestato i reati di furto e riciclaggio internazionale di veicoli oltre che alla ricettazione, all' appropriazione indebita, alla truffa, al falso e all'estorsione. Per alcuni episodi criminali è stata accertata anche l'aggravate della transnazionalità, anche grazie alla collaborazione della Polizia di Frontiera dell'aeroporto di Ciampino.
    Per gli investigatori la banda era in grado di immettere nel mercato clandestino, italiano ed estero, decine di auto rubate al giorno, scadenzando con estrema precisione la sequenza di tutte le operazioni illecite necessarie per la nuova identità del veicolo. A capo dell'organizzazione c'era un cittadino italiano di origine marocchina, noto nell'ambiente anche per i suoi metodi intimidatori, che in Francia si era procurato una base logistica da utilizzare come punto di approdo dei veicoli che dovevano entrare nel mercato clandestino internazionale. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie