Diesel puliti, parte da lontano strategia sviluppo Mercedes

Attuale generazione motori OM taglia quasi completamente NOx

Redazione ANSA ROMA

 Mercedes aveva preso la decisione di sviluppare una generazione di motori a gasolio completamente nuova all'inizio del decennio, nella convinzione che la grande efficienza dei diesel fosse una delle strade da percorrere - parallelamente alla elettrificazione - e questa strategia sta dando i suoi frutti. Le innovative tecnologie che sono state implementate garantiscono, infatti, minori emissioni di NOx e di polveri sottili, prerogative che si accompagnano alla naturale capacità dei motori a gasolio di limitare le emissioni di CO2. In virtù di questi progressi tutti i modelli di nuova generazione della Stella a Tre Punte soddisfano le norme Euro 6d-Temp o, quella successiva, Euro 6. Le conferme arrivano, oltre a quanto riferito oggi da Quattroruote, anche da altri magazine specializzati, sia dagli enti indipendenti. L'autorevole rivista tedesca Auto Motor und Sport- ad esempio - ha riportato, ad esempio, che ''dopo le misurazioni dei gas di scarico effettuate su dodici vetture di prova di differenti marchi, la Mercedes C 300 d Station Wagon (consumo di carburante nel ciclo combinato 5,6-5,0l/100 km, emissioni di CO2 nel ciclo combinato 147-133 g/km) è risultata pressoché esente da emissioni di NOx, facendo segnare appena 13 milligrammi/km di ossidi di azoto''.

E ribadisce l'importanza di questo risultato scrivendo che ''Fino a poco tempo fa era impensabile che una vettura diesel potesse mai raggiungere tali valori'' aggiungendo che ''Il problema degli NOx nell'aria di molte città dovrebbe quindi risolversi non appena saranno immatricolate auto diesel di ultima generazione in quantità sufficiente''.

Nel febbraio dello scorso anno l'ADAC (Allgemeiner Deutscher Automobil-Club) ha offerto il resoconto di ampie misurazioni eseguite su una sua iniziativa indipendente. ''Nella guida reale le emissioni di NOx delle autovetture di attuale generazione sono molto al di sotto dei valori limite misurati sul banco di prova''. All'interno del panel dei modelli provati dall'ADAC è risultato ''particolarmente positivo il valore degli NOx della Mercedes C220d (consumo di carburante nel ciclo combinato 4,8l/100 km, emissioni di CO2 nel ciclo combinato 126-117 g/km) che si è attestato in un campo appena misurabile compreso tra 0 e 1 milligrammi/km.

L'offensiva avviata da Mercedes-Benz sul fronte delle unità a gasolio comprende due motori diesel a quattro cilindri di concezione completamente nuova (OM 654 ed OM 654q) ed un inedito sei cilindri diesel (OM 656) il tutto associato ad investimenti per circa tre miliardi di euro. Per questi motori Mercedes ha attuato procedimenti di trattamento delle emissioni molto sofisticati. L'unità OM 654q, ad esempio, dispone di un sistema di post-trattamento dei gas di scarico con ridotta dissipazione del calore e condizioni di funzionamento vantaggiose nelle più normali situazioni di esercizio, essendo posizionato in modo isolato vicino al motore. Altri miglioramenti comprendono il sistema di ricircolo dei gas di scarico ad alta e bassa pressione, raffreddamento compreso; il catalizzatore ossidante diesel (DOC) per ridurre le emissioni di monossido di carbonio (CO) e di idrocarburi incombusti (HC); il filtro antiparticolato per la separazione del particolato di fuliggine con funzione catalizzante SCR combinata (sDPF) e, infine, il catalizzatore SCR per la riduzione degli ossidi di azoto. I gas di scarico, inoltre, vengono addizionati con ammoniaca sotto forma di AdBlue a monte dell'DPF e preparati in un catalizzatore supplementare (SCR) nel sottoscocca con rivestimento per i residui di ammoniaca.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie