Hyundai Xcient, l'era dei camion a idrogeno è ormai iniziata

Consegnate prime sette unità fuel cell a trasportatori in Svizzera

Redazione ANSA ROMA

Per Hyundai Motor l'idrogeno nei sistemi di propulsione degli autocarri è diventato una realtà, con il debutto in Europa del modello a celle a combustibile Xcient che è già venduto sperimentalmente in Corea. Successivamente questa soluzione di trasporto merci a impatto zero sbarcherà anche in Nord America e Cina, sulla base di un programma produttivo di Xcient che raggiungerà le 2.000 unità all'anno entro il 2021. L'aumento della capacità sarà sostenuto da un investimento di 1,3 miliardi di dollari, in aggiunta ai 6,4 miliardi di dollari annunciati in precedenza per la creazione di un ecosistema dell'idrogeno. Hyundai Motor Company ha consegnato infatti ad alcuni clienti in Svizzera le prime sette unità del suo autocarro a idrogeno Xcient, il primo mezzo pesante elettrico a celle a combustibile prodotto in serie al mondo. All'evento odierno nel seguiranno altri per un totale di 50 unità sulle strade del Continente nell'anno in corso. ''La consegna di Xcient Fuel Cell apre un nuovo capitolo non solo per la spinta all'idrogeno di Hyundai, ma anche per l'uso dell'idrogeno da parte della comunità globale come fonte di energia pulita - ha affermato In Cheol Lee, vicepresidente esecutivo e responsabile della divisione veicoli commerciali di Hyundai Motor - L'evento odierno rappresenta solo l'inizio in quanto apre infinite possibilità per una mobilità pulita. Con la consegna dei primi Xcient Fuel Cell, annunciamo con orgoglio il nostro piano di espansione oltre l'Europa fino al Nord America e alla Cina, dove stiamo già facendo grandi progressi''.

Negli Stati Uniti, Hyundai sta collaborando con le aziende leader della logistica per fornire camion pesanti a celle a combustibile prodotti in serie. In questo ambito Hyundai nel 2019 aveva già presentato il truck pesante HDC-6 Neptune Concept di Classe 8 alimentato a celle a combustibile anticipando così ciò che riserva il futuro in questa trasformazione. Hyundai è impegnata in Usa con le aziende di trasporto per costruire una catena del valore dell'idrogeno completa che copre tutto, dalla produzione di idrogeno e le stazioni di ricarica all'assistenza e alla manutenzione. Il mercato nordamericano avrà anche un modello di trattore 6x4.

Entro il 2030, Hyundai prevede che oltre 12.000 camion a celle a combustibile potranno operare sulle strade degli Stati Uniti. In Cina il progetto 'truck a idrogeno' è ancora più ambizioso, con l'obiettivo di consegnare 1 milione di veicoli da trasporto a idrogeno entro il 2030 poiché l'industria dell'idrogeno del Paese è in forte crescita, creando un enorme potenziale.

Inizialmente, Hyundai si concentrerà sui quattro principali hub cinesi dell'idrogeno: Jin-jin-ji, delta del fiume Yangtze, provincia del Guangdong e provincia del Sich Tre i modelli elettrici a celle a combustibile programmati per essere lanciati in Cina: un camion medio nel 2022, un mezzo pesante in un paio d'anni e un altro camion pesante strategicamente progettato per il mercato cinese. Con questi modelli, l'obiettivo di Hyundai è raggiungere un volume di vendite aggregato di 27.000 unità entro il 2030. Una chiave per l'espansione globale di Hyundai dei veicoli merci a celle a combustibile sarà il successo del lancio di Xcient Fuel Cell in Europa. I sette clienti (Coop, Migros, Traveco, Galliker Logistics, Camion Transport, F. Murpf AG e G. Leclerc Transport AG ) che hanno ricevuto in Svizzera il primo lotto di camion Fuel Cell trasporteranno carichi di beni di consumo in tutta la Confederazione, emettendo nient'altro che vapore acqueo pulito.

Le operazioni saranno supportate da un robusto ecosistema di idrogeno verde. Dopo la prima generazione dello Xcient, Hyundai introdurrà nei prossimi anni un modello completamente inedito e basato su una specifica piattaforma per camion a celle a combustibile. Il nuovo modello sarà caratterizzato da un assale elettrico e da due pile da 200 kW che sono attualmente in fase di sviluppo. La nuova gamma di modelli includerà cabinati 4x2 e 6x2 e trattori 4x2 che potranno coprire una parte significativa del mercato europeo dei camion pesanti. Il trattore GCW da 44 tonnellate avrà un'autonomia fino a 1.000 chilometri con un singolo rifornimento.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie