VW, in arrivo anche una supermini: affiancherà ID.3 e ID.4

Impianti sempre più green e hi-tech per spedizioni batterie

Redazione ANSA ROMA

Il Gruppo Volkswagen sembra pronto a lanciare una 'supermini' elettrico puro basato sulla piattaforma MEB entro i prossimi tre anni. Si chiamerà ID.1 e occuperà un'impronta simile a quella della Volkswagen Polo, anche se i vantaggi dell'imballaggio delle basi elettriche significano che potrebbe avere lo stesso spazio interno di un'auto della classe superiore. Quando arriverà, la Volkswagen ID.1 sarà concorrente diretta della Peugeot e-208 e della Vauxhall Corsa-e. I prezzi delle 'supermini' elettriche potrebbero avere un prezzo di partenza di circa 22.000 euro. L'anno scorso, il Gruppo Volkswagen ha confermato che stava sviluppando una "famiglia di ingresso MEB", che utilizzerà una versione della piattaforma omonima e che supporterà auto di circa quattro metri di lunghezza. L'ID.1 sarà probabilmente affiancato da un nuovo crossover del segmento B, basato sulle stesse basi, potenzialmente chiamato ID.2. Per quanto riguarda invece la produzione e la logistica dei modelli elettrici già in gamma, la ID.3 e la ID.4, il Gruppo Volkswagen sta lavorando sulle spedizioni di batterie, rendendoli ancora più eco-compatibili ed efficienti.

È stato attivato l'ultimo anello di una catena logistica green che parte dalla Polonia e arriva alla fabbrica di Zwickau, via Braunschweig. Si tratta di un sistema completamente automatizzato per scaricare le batterie dai treni in arrivo che ridurrà le emissioni di anidride carbonica di circa 11.000 tonnellate l'anno, dato che corrisponde alla CO2 prodotta da un paese con oltre 1.000 abitanti. ''Con questa catena logistica, pulita ed efficiente, diamo un contributo fondamentale alla riduzione di emissioni all'interno del Gruppo e al bilancio carbon neutral delle Volkswagen ID.3 e ID.4 al momento della consegna'', afferma Thomas Zernechel, direttore di Volkswagen Group Logistics. Nel Gruppo Volkswagen, Zwickau è il centro di competenza per l'e-mobility in Europa. La ID.3 e la ID.4 sono prodotte qui con un bilancio carbon neutral.A poco più di un anno dall'avvio della produzione presso lo stabilimento tedesco la Volkswagen ID.3 sta raggiungendo migliaia di clienti in tutta Europa. Presto anche il suv ID.4 sarà in strada: in Italia, le consegne inizieranno nel primo trimestre del 2021.

Ma la fabbrica della Sassonia dove avviene l'assemblaggio finale non è l'unica unità produttiva tedesca della Volkswagen coinvolta nella realizzazione della gamma ID.: la piattaforma modulare elettrica MEB, su cui sono e saranno basati i modelli 100% elettrici del Gruppo, è stata progettata e sviluppata nella sede principale di Wolfsburg, mentre nelle fabbriche Volkswagen Group Components di Braunschweig, Salzgitter e Kassel si producono gli elementi più importanti. Infatti, il pacco batteria viene realizzato a Braunschweig e il sistema di propulsione elettrica a Kassel, mentre la fabbrica di Salzgitter fornisce statori e rotori. Nel complesso, le fabbriche della Volkswagen Group Components contribuiscono per circa il 40% del valore aggiunto di ID.3 e ID.4, il 10% in più di quanto avvenga per un equivalente modello a combustione. Con ID.3, ID.4 e i futuri componenti della gamma ID., che entro il 2022 conterà un modello per ciascuno dei principali segmenti di mercato, l'ambizione dichiarata della Volkswagen è di diventare leader mondiale della mobilità elettrica, rendendola alla portata di milioni di clienti. Al centro di questa strategia, la piattaforma modulare elettrica MEB, che entro il 2030 equipaggerà decine di modelli del Gruppo per un totale di circa 19 milioni di auto 100% elettriche prodotte. Per raggiungere questi obiettivi, il Gruppo Volkswagen investirà circa 35 miliardi di euro nei prossimi cinque anni.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie