Salone di Ginevra 2019, oltre 602mila visitatori

Presentati 34 nuovi espositori da tutto il mondo, il prossimo appuntamento dal 5 al 15 marzo 2020

Redazione ANSA

Anche se con visitatori in calo del 9% rispetto al 2018, bilancio più che positivo per l'89ma edizione del Salone Internazionale di Ginevra, che ha chiuso i battenti il 17 marzo. Secondo quanto sottolineano gli organizzatori del GIMS gli espositori si sono dichiarati ''entusiasti della qualità dello show e dell'alto interesse dei suoi visitatori''. A loro volta le oltre 602mila persone che hanno varcato gli ingressi del Palexpò ginevrino hanno particolarmente apprezzato il mix insolitamente ampio di marche presenti espositori.

Oltre alle Case tradizionali e tradizionali, i visitatori hanno infatti potuto scoprire molte novità e curiosità che non erano mai state esposte in occasione di un evento specializzato in Europa. In dettaglio sono stati presenti a Ginevra 34 nuovi espositori, tra cui Noble Cars dalla Estonia (Nobe Cars), Aurus dalla Russia (è l'azienda che realizza le nuove limousine di Putin) o la Puritalia dall'Italia. Un sondaggio realizzato tra i visitatori conferma che il pubblico del Salone si è particolarmente interessato ai contenuti di questo evento. L'80% di chi ha acquistato un biglietto per l'auto show è in età lavorativa (tra i 19 ei 64 anni) e di questi Il 25% ha indicato l'intenzione di acquistare una nuova vettura entro il 2020.

Questo non è solo un buon segno per il Salone internazionale di Ginevra, soprattutto se si considera che il numero di visitatori stranieri in arrivo da tutto il mondo è pari a circa il 50%. Per quanto riguarda i cittadini della Confederazione (300.000 persone) il loro numero corrisponde in pratica al mercato globale delle auto nuove in Svizzera (oltre 310.000 unità all'anno).

I visitatori hanno mostrato particolare interesse per gli stand che hanno offerto esperienza 'dirette' e coinvolgenti, come quelle agli stand Citroen, Renault o TAG Heuer dove erano disponibili simulatori di guida - o alla McLaren, dove ogni fan poteva sedersi a bordo di queste auto sportive. ''Questo interesse - ha commentato Maurice Turrettini, presidente del Salone internazionale dell'Automobile di Ginevra - rafforza la nostra intenzione di posizionare in futuro il Salone ancora di più come esperienza. Pensiamo che saremo in grado di attirare di nuovo un pubblico più ampio nei prossimi eventi futuri quando mostreremo tutti gli aspetti della mobilità''.

Più che positivi, invece, i trend della copertura giornalistica attraverso media di ogni tipo e quelli della presenza nei social. Circa 10.000 rappresentanti dei media di tutto il mondo hanno visitato il Salone Internazionale dell'Automobile di Ginevra e hanno riferito e raccontato le oltre 151 anteprime mondiali ed europee. La copertura mediatica sui social è stata particolarmente attiva, con circa 5,8 milioni di visualizzazioni sono state registrate sull'account Instagram, GIMS conta 154.000 fan su Facebook e il #gimsswiss è stato condiviso 345.000 volte su Twitter, mentre circa 1,5 milioni di visitatori hanno consultato il sito www.gims.swiss.

''Accogliamo con favore il fatto che il Salone attiri tale interesse globale - ha commentato André Hefti, direttore generale del Motor Show - e ciò conferma l'opinione che la nostra strategia di comunicazione digitale sia sulla strada giusta.

Oggi i visitatori non vengono al Salone solo in persona, ma effettuano anche visite virtuali. Vogliamo allargare la presentazione delle immagini dei nostri espositori e del nostro Show a tutto il mondo''. Gli organizzatori del Salone di Ginevra sta già lavorando alla 90a edizione dell'evento che - come di consueto - durerà per 11 giorni e si svolgerà dal 5 al 15 marzo 2020.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie