Giornata Amicizia: Sos Villaggi, Tutti uniti si cresce...

Quest'anno al Centro di Coldonazzo bambini solo italiani

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - il 30 luglio in occasione della Giornata Mondiale dell'Amicizia, istituita nel 2011 dall'Onu, i bambini tra i 6 e i 15 anni dei Villaggi SOS riuniti, come ogni anno, nel Centro estivo SOS di Caldonazzo, nato 66 anni fa per offrire vacanze serene e salutari ai ragazzi accolti fuori famiglia,lanciano un messaggio a tutti i coetanei del mondo: "Tutti uniti si cresce anche...in questo mondo storto!" augururandosi di superare "anche questa difficile estate di convivenza con il Covid-19". Se le vacanze rappresentano un momento fondamentale per ogni bambino, perché gli permette di riposare, recuperare le energie, sperimentare, crescere e fare nuove esperienze, per i bambini dei Villaggi SOS le vacanze - spiegano in una nota i promotori - "sono un'esperienza indispensabile anche per colmare un vuoto, quello provocato dal distacco dalla famiglia d'origine. E così le vacanze a Caldonazzo diventano una medicina per anima e cuore proprio quando la solitudine si fa sentire più forte".
    Ma se di solito, durante la bella stagione, il Centro di Caldonazzo diventava la casa per circa 1.000 bambini tra i 6 e i 15 anni provenienti dai Villaggi SOS di tutta Europa, "quest'anno ai bambini italiani non si affiancheranno i coetanei europei. La prudenza e le stringenti norme di distanziamento ancora necessarie non lo permettono".
    Per lanciare un messaggio di vicinanza ai ragazzini di tutto il mondo, in occasione della Giornata Mondiale dell'Amicizia SOS Villaggi dei Bambini "vuole celebrare la forza dei legami tra i bambini, fonte di energia inesauribile per i più giovani e ancor di più per quei ragazzini che attraverso il legame tra pari riescono in parte a sopperire alla mancanza del legame familiare". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA