Cgil medici, ci sarà un emendamento per lo sblocco del contratto

'Nel decreto Semplificazioni, presentato dal ministero della PA'

Redazione ANSA ROMA

E' stato formulato e verrà presentato in commissione al Senato il 22 gennaio un emendamento al decreto semplificazioni che permetterà di sbloccare la trattativa per il rinnovo del contratto dei medici, posticipando l'applicazione del comma 687 della legge di Bilancio che di fatto determinava un blocco del rinnovo. Lo dice il segretario Fp-Cgil Medici Andrea Filippi dopo l'incontro di oggi insieme agli altri sindacati dei medici con il capo di gabinetto del ministero della PA che, afferma, "garantisce tale soluzione".

"Insieme ai sindacati medici stiamo oggi manifestando a Roma per difendere la Sanità pubblica e chiedere il rinnovo del contratto fermo da 10 anni. Su nostra richiesta - spiega Filippi - siamo stati ricevuti dal capo di gabinetto del ministero della Pubblica Amministrazione Sergio Ferdinandi, ponendogli la questione del comma 687 della Legge di Bilancio che blocca di fatto il rinnovo del contratto poichè implica un nuovo accordo quadro sulle aree di contrattazione". Ferdinandi, ha affermato Filippi, "ci ha comunicato che è stato già formulato un emendamento al Dl Semplificazioni, che sarà presentato in commissione al Senato il 22 gennaio, che prevede di posticipare la norma del comma 687 al contratto di categoria 2019-21, sbloccando così il rinnovo del contratto 2016-18 ancora fermo". 


   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA