Rapine nelle farmacie, nel 2019 già decine in tutta Italia

Federfarma, a Roma recrudescenza. Allarme per rapinatori seriali

Redazione ANSA

Le farmacie continuano ad essere prese di mira da ladri e rapinatori. Già nel primo mese del 2019 si sono registrate decine di rapine in tutta Italia, con una recrudescenza in particolare a Roma. Un problema ormai ampiamente diffuso da tempo su tutto il territorio nazionale, come segnala Federfarma, che il più delle volte vede protagonisti rapinatori seriali che prendono di mira lo stesso esercizio.

Dopo il calo delle denunce per rapine registrato nel 2017, i dati indicano un'inversione di tendenza nel 2018, con un 2019 che non promette bene. Secondo il rapporto sulla criminalità realizzato da Ossif con Assovalori, Confcommercio-Imprese per l'Italia, Federazione Italiana Tabaccai, Federdistribuzione, Federfarma e Unione Petrolifera, nel 2017 ci sono state oltre 30mila rapine.

Al primo posto ci sono esercizi commerciali e locali pubblici, cui seguono al secondo posto le farmacie (677), e poi banche (373), tabaccherie (333), distributori di carburante (307) e uffici postali (297). A Roma, come ricorda anche il presidente di Federfarma Roma, Vittorio Contarina, la situazione è difficile.

"Le farmacie romane - precisa - stanno attraversando una fase drammatica dal punto di vista della sicurezza: rapine diurne e furti notturni soprattutto alle farmacie che sono dotate di casse automatiche. Siamo veramente sotto attacco". Si tratta di rapinatori seriali, aggiunge Roberto Tobia, tesoriere di Federfarma, "che assaltano sempre la stessa farmacia nell'arco di poco tempo. Per questo - conclude - chiediamo che ci sla certezza della pena, e della sua applicazione. Questo sarebbe il miglior deterrente".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE: