Costretta in ospedale per mancanza Adi,paziente torna a casa

Risolto il caso di una donna ricoverata all'ospedale di Avola

Redazione ANSA SIRACUSA

(ANSA) - SIRACUSA, 18 GIU - Il caso di Carmen Grande, ricoverata nel reparto di Terapia intensiva dell'ospedale Di Maria di Avola, si avvia a soluzione.
    Il 23 gennaio scorso, all'ospedale di Avola, era stata ricoverata la 41enne, affetta da paralisi cerebrale infantile conseguente alla nascita prematura. In seguito a un'improvvisa e grave insufficienza respiratoria era stata trasferita al reparto di Rianimazione. Dopo 15 giorni è stata estubata ma non ha reagito alle terapie somministrate e così i medici sono costretti a praticarle una tracheotomia. Il quadro clinico emerso prevede l'assistenza domiciliare di personale infermieristico h24.
    L'Asp di Siracusa ha avviato un piano di assistenza individuale al proprio domicilio. "Le difficoltà iniziali per l'organizzazione dell'assistenza domiciliare della giovane sono state superate con un provvedimento del direttore del Distretto sanitario di Noto Giuseppe Consiglio per l'affidamento dell'incarico assistenziale ad una cooperativa specializzata" spiega l'Asp in una nota. Oggi sarà avviata la procedura di dimissione dal reparto con l'organizzazione della assistenza domiciliare per il trasferimento protetto della giovane, nei prossimi giorni, con la presa in carico a domicilio. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA