Palù, sappiamo che virus circolerà, ormai endemico

'Non posso sapere che cosa accadrà. Applicare tutti i mezzi diagnostici'

Redazione ANSA ROMA

"Non ho la sfera di cristallo per dire cosa succederà" alla riapertura delle scuole da domani in molte Regioni, ma sappiamo che "il virus è ormai endemico nella specie umana e circolerà come circola il virus del raffreddore. Non conosciamo cosa accadrà ma occorre applicare tutti i mezzi di diagnosi diretta, con i tamponi o con il prelievo salivare (più sensibile), indiretta con i test sierologici, e poi identificare, tracciare e isolare i soggetti positivi e spegnere rapidamente i focolai. Forse si dovrà chiudere anche qualche Istituto in caso di contagio ma non possiamo non riaprire le scuole".

Lo ha detto all'ANSA Giorgio Palù, docente emerito di Virologia all'Università di Padova sottolineando il ruolo decisivo delle mascherine come criterio di sicurezza tra gli alunni ma "solo se si usano bene, non si poggiano sul banco e non vengono messe e tolte", e questo tra i bambini non è facile da governare. A scuola sarà centrale "la rapida individuazione di tutti i contagi". "Ma - afferma ancora Palù - in termini di letalità non abbiamo di fronte il virus Ebola né il virus della SARS o quello della MERS, altre due sindromi causate da coronavirus del pipistrello, la prima da un virus geneticamente simile (80% omologia) a SARS-CoV-2. La MERS aveva una mortalità del 35% e la SARS del 10% e anche in conseguenza dell'elevata letalità si sono rapidamente estinte. Il SARS-CoV-2 ha una letalità superiore all'influenza ma non di molto; probabilmente si sta già adattando al suo nuovo ospite umano e dal punto di vista evolutivo non ha l'interesse di ucciderlo per non estinguersi". "Circolerà ma ho fiducia nei farmaci e nei vaccini", dice Palù. E, sempre in vista della riapertura delle scuole leggendo i dati epidemiologici della diffusione in Italia del COVID-19 Palù ritiene che "più che di una seconda ondata si tratta di un virus che circola da noi sin dall'esordio della pandemia". E aggiunge: "Dobbiamo inoltre fidarci di quanto pubblicato nei lavori scientifici sui bambini e adolescenti, sul fatto cioè che questi soggetti si infettano meno, trasmettono meno il virus e non muoiono anche se occorre tenere alta l'attenzione su quello che avviene a casa come possibile catena di trasmissione del contagio, cosa che oggi facciamo andando a monitorare più attentamente i contatti".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA