Pino e Simone, in bici sfidando la malattia

Viaggio di 400 km per malati di Parkinson e Alzheimer

Redazione ANSA ROMA

ROMA - Ci sono viaggi in cui gli ostacoli non sono sulla strada, ma dentro il viaggiatore stesso. Ed è proprio questo il viaggio che Simone e Pino cominceranno il 31 maggio prossimo.
    Simone Masotti, architetto 41enne di Udine, ha il Parkinson da 13 anni. A Pino Orlandi, pensionato di Milano di 63 anni, tre anni fa è stato diagnosticato l'Alzheimer. Eppure, il 31 maggio i due partiranno per un viaggio in bici lungo 400 chilometri, per le strade sterrate della Croazia. Dieci giorni di pedalate impegnative per dimostrare che, anche con le loro malattie, si possono fare cose magnifiche.
    Ma Pino e Simone non saranno soli in questo viaggio. Con loro ci saranno due leggende del cicloturismo italiano, i milanesi Sergio Borroni e Ralf Kirchoff. Gente che ha fatto spedizioni in bicicletta in tutto il mondo, dalla Mongolia alla Patagonia, dalle Ande all'Himalaya. Stavolta, hanno deciso di accompagnare questi due amici nel viaggio più difficile e più esaltante: quello oltre i limiti della loro malattia.
    "Ho sempre avuto la passione per la bici - racconta Simone, che è sposato e ha un figlio di 9 anni -. Faccio mountain bike e freeride. Ci sono studi (non ancora definitivi) che indicano che i malati di Parkinson hanno benefici andando in bicicletta.
    Quando prendevo i farmaci, i giorni che pedalavo riuscivo a ridurli. Poi quattro anni fa mi hanno impiantato uno stimolatore sottocutaneo, con due fili che vanno nel cervello e un telecomando che li attiva per ridurre i sintomi. Dopo l'operazione pensavo che non sarei più andato in bici. E invece...".
    Simone aveva un sogno: fare un viaggio lungo in bicicletta.
    Così, una sera ha raccolto il coraggio e ha scritto su Facebook a Sergio Borroni, per chiedergli informazioni su come organizzare la cosa, nonostante la sua malattia. Nel piccolo mondo dei viaggiatori in bici italiani, Borroni, 64 anni, dentista in pensione, è una vera leggenda: non solo per i suoi viaggi avventurosi, ma anche per i documentari con cui li racconta su YouTube, pieni di splendide immagini e di humor.
    I due si sentono per telefono, parlano a lungo. Finché Sergio sbotta: "Ma tu cerchi informazioni o una persona che ti accompagni?". "Io gli ho detto 'la seconda' - racconta Simone -.
    E lui mi ha risposto 'potrei proporti la Croazia. Se nascono problemi, possiamo rientrare facilmente a casa'".
    Ma non è finita. Borroni coinvolge nel progetto anche il suo amico Pino, compagno di serate al biliardo, malato di Alzheimer.
    E per completare il team, porta a bordo anche il suo compagno di spedizioni Ralf Kirchoff, atletico cinquantenne tedesco trapiantato a Milano. "Volevo dare un bel messaggio positivo - racconta Borroni -. Anche con queste malattie, si può continuare a fare cose belle. Negli Stati Uniti c'è perfino una associazione di ciclisti malati di Parkinson".
    Ma il senso del viaggio, lo riassume bene Pino, il malato di Alzheimer: "Quando mi hanno diagnosticato la malattia, mi sono messo a piangere. Poi mi sono detto, dobbiamo tirare avanti. E così andiamo".​

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE: