Lunga convivenza e scambi di idee tra Sapiens e Neanderthal

In Francia e Spagna, lo indica una nuova datazione dei reperti

Redazione ANSA

La convivenza tra i Sapiens e i Neanderthal sarebbe durata fino a 2.900 anni in alcune regioni della Francia e del nord della Spagna, un periodo più lungo del previsto durante il quale potrebbero essersi copiati a vicenda alcune tecniche per la produzione di gioielli e utensili. A ipotizzarlo è un nuovo studio pubblicato sulla rivista Scientific Reports da un team di esperti guidati da Igor Djakovic dell'Università di Leida, nei Paesi Bassi.

I ricercatori hanno analizzato 28 manufatti attribuiti a Homo sapiens e 28 dei Neanderthal, ritrovati in 17 siti archeologici tra Francia e nord della Spagna. A questi hanno poi aggiunto altri 10 reperti dei Neanderthal provenienti dalla stessa regione. Tutti i manufatti sono stati datati al radiocarbonio tenendo conto del più recente e repentino evento di inversione magnetica conosciuto, il cosiddetto 'evento di Laschamp' che circa 42.000 anni fa (proprio nel periodo di passaggio tra Neanderthal e sapiens) ha temporaneamente alterato la quantità di carbonio 14 presente in atmosfera e incorporato negli esseri viventi.

L’analisi statistica dei risultati indica che i manufatti dei Neanderthal sono apparsi circa 45.000 anni fa e sono scomparsi intorno a 39.800 anni fa. L'estinzione di Neanderthal è avvenuta intorno a 40.000 anni fa. L'uomo moderno è apparso circa 42.000 anni fa: ciò suggerisce che le due specie siano coesistite in queste regioni per un periodo compreso tra 1.400 e 2.900 anni. Questi dati troverebbero riscontro in alcune somiglianze osservate nei loro manufatti, dovute probabilmente a scambi culturali.

Lo studio però non convince del tutto molti esperti. "E' un buon punto di partenza", commenta sul sito di Science Sahra Talamo, docente del Dipartimento di Chimica dell'Università di Bologna, sottolineando però che il calcolo delle date presenta margini d'errore ancora troppo ampi per trarre conclusioni.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA