Il cervello diventa una scultura 'segreta', al Mit

Riconoscibile solo da un particolare punto focale

Redazione ANSA

Il cervello diventa una scultura 'segreta'. Al Massachusetts Institute of Technology (Mit) cento neuroni in bronzo e acciaio sembrano vagare a caso sospesi sulla hall, ma visti da un punto preciso del terzo piano, subiscono una trasformazione sorprendente e prendono la forma del cervello umano. L'obiettivo di questa 'scultura segreta' è offrire ai visitatori un senso di scoperta che riflette lo spirito dell'indagine scientifica, la stessa sperimentata nell'istituto McGovern per la ricerca sul cervello del Mit, che ospita l'opera.


Uno dei neuroni nella scultura del Mit (fonte: MIT)

 

L'installazione, dell'artista Ralph Helmick, si chiama Schwerpunkt, dalla parola tedesca che significa "punto focale". Quando i visitatori entrano nell'edifico, la nuvola di neuroni che scende dal soffitto li guida su per le scale fino all'ingresso dell'Istituto al terzo piano. Solo se ci si ferma a guardare l'opera da quel punto si riconosce la forma del cervello.


Uno dei neuroni nella scultura del Mit (fonte: MIT)

 

"È un modo per introdurre un altro livello di scoperta ottica", ha detto Helmick a proposito del trucco visivo, chiamato anamorfosi, che consiste in un'immagine distorta che diventa riconoscibile solo se vista da un punto particolare.



Uno dei primi esempi di quest'arte 'segreta' risale al Rinascimento, con l'occhio di Leonardo da Vinci: un disegno contenuto nel Codice Atlantico, a prima vista del tutto indecifrabile. La scultura, che si può ammirare in un video pubblicato su Youtube, è stata donata da Hugo Shong ed è in memoria di Patrick McGovern, l'uomo d'affari statunitense che era stato un grande finanziatore del Mit e al quale è dedicato l'Istituto per la ricerca sul cervello.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA