La RomeCup, il futuro di istruzione e lavoro passa dai robot VIDEO

Competizioni e laboratori didattici fino al 4 maggio

Redazione ANSA

Il futuro del lavoro e dell'istruzione passa dai robot: torna in presenza la RomeCup, una tre giorni con competizioni, laboratori didattici, contest creativi e hackathon pensati per avvicinare i ragazzi al mondo della robotica. La quindicesima edizione, organizzata da Fondazione Mondo Digitale, in programma fino al 4 maggio negli spazi dell'Università Sapienza di Roma e del Campidoglio. "La robotica educativa si dimostra un potente strumento di orientamento ad alta inclusività anche perché coinvolge diverse discipline in un approccio completamente innovativo e garantisce ottimi risultati anche negli alunni con bisogni speciali", ha detto Mirta Michilli, direttore generale della Fondazione Mondo Digitale.

I ragazzi sono i protagonisti di questa tre giorni ricca di attività di ogni tipo e che vede in apertura molte iniziative di orientamento sui lavori del futuro e sulle tendenze dell'innovazione tecnologica, in particolare nei settori dell'interazione uomo-robot, Intelligenza artificiale e nuove sfide della medicina e dell'ingegneria biomedica. "La robotica, materia multidisciplinare per definizione, sarà una delle discipline centrali nel nuovo mercato del lavoro e anche per rispondere alle sfide di uno sviluppo sostenibile", ha aggiunto Michilli.

Il programma prevede anche molti ospiti, tra cui Antonio Frisoli, della Scuola Superiore Sant'Anna di Pisam Maurizio Lenzerini, della Sapienza di Roma, Eugenio Guglielmelli, prorettore alla Ricerca del Campus Bio-Medico di Roma e Maria Laura Costantino, di Humanitas e Politecnico di Milano, decine di stand, centinaia di prototipi di robot realizzati da studenti di tutta Italia e le esibizioni di robot calciatori. Come sempre la RomeCup vedrà anche le sfide, tra ben 81 squadre, per contendersi l'accesso ai mondiali di robotica che quest'anno si svolgeranno a luglio in Thailandia.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA