Vola la #DopEconomy italiana, patrimonio da 16,2 miliardi +6%

Rapporto Qualivita-Ismea, export vale 9mld, +2,5% su 2017

Redazione ANSA ROMA

Vola la #DopEconomy italiana che per la prima volta supera i 16,2 miliardi di euro di valore alla produzione, mettendo a segno una crescita del 6% in un anno, un miliardo di euro in più. Lo certifica il 17esimo Rapporto Ismea-Qualivita 2019 che analizza i dati del 2018 delle oltre 800 Indicazioni Geografiche del settore Food e Wine Dop e Igp, driver fondamentale per i distretti agroalimentari.

Quanto all'export, sfonda la soglia dei 9 miliardi di euro in aumento del 2,5% rispetto al 2017, grazie al lavoro di oltre 180 mila operatori e l'impegno dei 285 Consorzi di tutela riconosciuti. Il sistema, che rappresenta il 20% del fatturato complessivo dell'agroalimentare, registra una crescita trainata dal comparto vino (+7,9%) che eccelle anche nell'export. Leader nella classifica dei prodotti con più valore alla produzione sono i formaggi con 4,1 miliardi, dove svettano Parmigiano Reggiano e Grana Padano, seguono Prosciutto di Parma, Mozzarella di Bufala Campana e Aceto Balsamico di Modena Igp e Gorgonzola Dop. 

Tutte le province italiane risentono dell'impatto economico positivo generato dalle filiere delle Indicazioni geografiche agroalimentari e vitivinicole ma la concentrazione del valore è particolarmente forte in alcune realtà. Secondo il Rapporto Ismea-Qualivita 2019, infatti, in cinque regioni su venti si supera 1 miliardo di euro di valore.

Svetta il Veneto che cresce rispetto all'anno precedente e si conferma la prima regione con 3,90 miliardi di euro, seguita dall' Emilia-Romagna con 3,41 miliardi e dalla Lombardia con 1,96 miliardi; con oltre 1 miliardo di euro di valore si posizionano anche Piemonte e Toscana.

In particolare nel settore Food a guidare la classifica sono Emilia-Romagna e Lombardia, con la Campania che conferma buoni risultati. Nel Vino, invece, il Veneto traina, seguito da Toscana e Piemonte (in calo), buoni trend soprattutto per Puglia, Sicilia e Emilia-Romagna. Treviso, Parma e Verona guidano la classifica provinciale con valori superiori al miliardo di euro. Ma se nel Food si affermano città dell'Emilia-Romagna e della Lombardia in compagnia anche di Udine, Caserta e Bolzano, nel Vino trainano Treviso e Verona, seguite da Cuneo e Siena (in calo). 



Bellanova, Dop/Igp strategici per sistema Italia
"I prodotti Dop e Igp sono un elemento strategico per la competitività e il posizionamento globale del made in Italy". Commenta così la ministra delle Politiche agricole, alimentari e forestali, Teresa Bellanova i dati del Rapporto 2019 Ismea-Qualivita diffusi questa mattina.
"L'Italia conferma la sua leadership europea nei prodotti di qualità certificata e cresce - fa sapere la ministra - un forte valore sottolineato dal Rapporto 2019 Ismea-Qualivita con dati significativi e istruttivi, perché certificano il peso di Dop e Igp nell'economia agricola italiana, il ruolo strategico nel posizionamento globale e nella competitività del nostro made in Italy". Si tratta di prodotti che avendo le loro radici nei territori, ricorda Bellanova, "sono la nostra identità e per questo sono così apprezzati e imitati nel mondo. Un legame proficuo che contraddistingue un'esperienza tutta italiana, grazie anche al ruolo del nostro ministero che può essere un modello di riferimento per tutta l'Unione europea".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie