Coronavirus:Assalzoo,ok produzione mangimi ma freni consegne

Preoccupano disagi nella movimentazione delle merci

Redazione ANSA ROMA
(ANSA) - ROMA, 5 MAR - L'emergenza coronavirus lascia il segno anche nel settore zootecnico e dei mangimi. "Iniziano ad arrivare primi segnali di disagi - sottolinea Assalzoo in una nota - nella movimentazione delle merci, sia di materie prime che di prodotti finiti, che devono essere trasportati per la quasi totalità su gomma". Ciononostante, continua Assalzoo, "le aziende mangimistiche stanno cercando di assicurare il necessario rifornimento agli allevatori per garantire di salvaguardare la salute e il benessere degli animali allevati e di mantenere il livello produttivo degli allevamenti, indispensabile per la produzione di latte, carne, uova e pesce.

A destare preoccupazione nella filiera agroalimentare è il progressivo aumento di tali casi con rischi per un settore dal quale non solo deriva una quota significativa del Pil e dell'export nazionale, ma che è necessario a garantire adeguati livelli di approvvigionamento". L'Italia è un importatore netto di materie prime per le produzioni alimentari sia ad uso umano che animale, in primis cereali, semi oleosi e farine proteiche, e, secondo quanto segnala Assalzoo, "si registra da parte di alcuni autotrasportatori stranieri il rifiuto di consegnare in Italia le materie prime a causa dei timori di contagio nel nostro Paese o in conseguenza di disposizioni delle autorità del Paese di origine che impongono loro, in caso transito in Italia, di osservare periodi di quarantena. Mentre per quanto riguarda invece la consegna dei mangimi agli allevamenti, stanno diventando sempre più frequenti i casi di rifiuto da parte degli autotrasportatori italiani di consegnare il mangime in allevamenti ricadenti nelle aree sottoposte a vincono sanitario".(ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie