Giornata Nazionale del Mare, un tuffo nel blu da proteggere

Viaggio (da casa) tra spiagge incontaminate e programmi green

di Daniela Giammusso ROMA

ROMA - È passato poco più di un mese dall'inizio della quarantena e la natura già "canta". Cielo terso, aria pulita persino nelle grandi in città, leprotti e altri animali che riconquistano spazi nei parchi pubblici. E i nostri mari? Per viverli pienamente dovremo aspettare ancora un po', ma intanto possiamo festeggiarli con la Giornata Nazionale del Mare dell'11 aprile. E sognare con un giro del mondo virtuale, dal Mediterraneo all'Atlantico, fino nell'Oceano Indiano, tra spiagge bellisime, paesaggi marini mozzafiato e qualche idee green e sostenibile per aiutarli.

    FORMENTERA - Save Posidonia project Tra foreste di pini e ginepri che scendono fino in spiaggia e 32 percorsi nella natura, la più piccola delle Isole Baleari vanta una straordinaria biodiversità con oltre 210 specie di uccelli censiti. Una delle pratiche più importanti per la tutela e salvaguardia del suo ambiente è l'impegno nel preservare le praterie di Posidonia Oceanica, vero polmone di ssigeno e materia organica, da 20 anni Patrimonio dell'Unesco, che proprio a Formentera sono tra le più grandi del Mediterraneo e garantiscono la limpidezza e la trasparenza delle acque. Nel 2017 è nato il Save Posidonia Project, programma di fundraising promosso dal Consell Insular de Formentera per la sua salvaguardia e per sensibilizzare tutti sull'importanza vitale di queste praterie subacquee "adottando" parte dei 7.600 ettari che circondano l'isola. Info: www.formentera.es e www.saveposidoniaproject.org

ISRAELE - Le meraviglie sottomarine del parco archeologico di Cesarea Terra dall'immenso patrimonio archeologico, il mare qui non è solo sinonimo di svago, ma anche testimone di storie millenarie.
    Come a Cesarea, città a metà strada tra Haifa e Tel Aviv affacciata sul Mediterraneo e celebre per il suo parco archeologico sottomarino con l'antico porto di Erode costruito nel 22 a.C. e sommerso nel 600 d.C. Da esplorare con muta e bombole o anche solo maschera boccaglio. Per ora, da sognare on line. Info: https://it.citiesbreak.com/

MALDIVE - Ecosostenibilità per il 5% delle barriere coralline del pianeta Non solo bagni. Alle Maldive il mare è anche una risorsa preziosa da salvaguardare: il Paese, infatti, ospita il 5% delle barriere coralline del pianeta e i coralli duri e morbidi che le compongono offrono riparo a migliaia di specie di pesci. I visitatori possono contribuire attivamente alla protezione dell'ambiente con i progetti di ecosostenibilità organizzati dai resort come la replantazione del corallo o i tour di snorkeling per conoscere da vicino il delicato ecosistema di isole e atolli. Al Gili Lankafushi, ad esempio si tengono laboratori sull'importanza del risparmio energetico, dell'acqua e la tutela dell'ambiente. Al Marine Conservation Lab dell'Angsana Velavaru, corsi di biologia marina e safari di snorkeling. Info: https://visitmaldives.com/en

OMAN - La riserva sottomarina più bella del Medio Oriente A circa 500 chilometri a Sud di Muscat, al largo dell'Oceano Indiano, nel Mar Arabico, si trova l'isola di Masirah, la più grande del Sultanato, con la barriera corallina più bella e inesplorata di tutto l'Oman e paradiso per gli appassionati di kitesurf. Ben quattro specie di tartarughe nidificano su queste spiagge bianchissime e si può incontrare anche la rarissima aquila bianca. L'arcipelago delle isole Dymanyat, invece, 9 isole e isolotti disabitati a nord della capitale Mascate, è Riserva marina dal 1996, dove "incontrare" tra i coralli mante, seppie, aragoste, tonni, aquile marine, tartarughe, squali balena e tartarughe. Info: www.experienceoman.om/it

REPUBBLICA DOMINICANA - Fra coral gardens e le casitas per le aragoste Il Puntacana Center for Sustainability della Fondazione Gruppo Punta Cana ha lanciato il progetto Coral Gardens: un grande giardino marino dove proteggere le colonie selvatiche di coralli Acropora e allo stesso tempo aumentare la popolazione nel mare con altri esemplari geneticamente diversi cresciuti in vivai subacquei. La Fondazione ha lanciato anche le Ecologically Sustainable Coastal Areas (PESCA) per proteggere l'area costiera e gli abitanti del mare, ad esempio con la creazione di "casitas" per aragoste, con un programma di controllo del vorace pesce leone, che si nutre di pesci nativi nella barriera, e con un monitoraggio delle tartarughe. E c'è anche un parco ecologico, la Reserva Ojos Indigenas, con 12 lagune d'acqua dolce, mangrovie, foresta, habitat perfetto per uccelli, rettili, insetti e flora locale. Info: https://www.puntacana.org/environment/center-for-sustainability

SUDAFRICA - Il parco "miracolo e meraviglia" Terza area protetta più grande del Sudafrica e seconda più antica al mondo, patrimonio Unesco dal 1999, l'iSimangaliso Wetland Park, con quel nome che nella lingua isiZulu significa "miracolo e meraviglia", comprende il 9% delle coste sudafricane e 5 ecosistemi diversi. È un vero e proprio santuario naturalistico con 530 specie di uccelli, animali marini, oltre 100 specie di coralli e luogo prediletto dalle tartarughe per deporre le uova. Qui tutela del territorio e rimozione dei rifiuti, in particolare della plastica, sono aspetti cruciali, tanto da rendere la riserva un modello di riferimento a livello mondiale. All'interno del parco sono svolte regolarmente attività per la protezione delle spiagge e dell'oceano, tra cui il Working for the Coast cui possono partecipare anche volontari. Info: www.southafrica.net

QATAR - La seconda più grande popolazione di dugonghi al mondo Non solo i grattacieli futuristici di Doha o deserto dorato. Il Qatar è anche la meta perfetta per gli amanti della natura e delle immersioni. Tra queste acque blu vive la seconda più grande popolazione di dugonghi al mondo, divertenti mammiferi (possono arrivare a più di tre metri di lunghezza e 400 chili di peso), oggi specie in via di estinzione. Tanti gli studi in corso nel Paese per censirli, studiarli e, soprattutto, proteggerli. Info: www.visitqatar.qa   

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie