IceKing, quando un’app può salvare i ghiacciai

Fotografare in viaggio per aiutare la ricerca

di Ida Bini

PERITO MORENO - Se state programmando un viaggio in Patagonia per osservare da vicino lo spettacolare ghiacciaio Perito Moreno; se pensate a una crociera tra i ghiacci perenni dell’Alaska o dell’Islanda o semplicemente se state organizzando una sciata sulle piste delle grandi cattedrali bianche delle Alpi, prima di partire ricordatevi di scaricare sul vostro smartphone l’app “IceKing” (www.icekingapp.com) e contribuirete a salvare la Terra. Viaggiate, fotografate, caricate le immagini sull’app, le inviate e partecipate alla ricerca scientifica sullo stato di salute dei ghiacciai.

L’applicazione è stata realizzata da un piccolo team di giovani ricercatori italiani che lavora a Vienna – l’ingegnere gestionale Paola Belingheri, l’ingegnere aerospaziale Fabiana Milza e il product designer Gabriele Mamoli – con l’obiettivo di creare un circolo virtuoso tra il turismo sostenibile e la ricerca scientifica. “L’idea è nata per gioco”, ci spiega Paola Belingheri, “due anni fa abbiamo partecipato a una sfida dell’hackathon, una maratona di 48 ore di programmazione informatica organizzata dalla Nasa (poi sono arrivati primi, ndr). Con un gruppo di persone abbiamo scelto la sfida “la Terra dal vivo” che prevedeva l’uso di dati satellitari per capire come si sta evolvendo il pianeta. Dai primi risultati”, prosegue la giovane ricercatrice, “ci è venuta l’idea di occuparci dei ghiacciai e di usare i dati satellitari di Galileo con le immagini raccolte da chi viaggia per studiare e capire come si muovono i ghiacciai”. Oggi, con i finanziamenti dell’Esa e della Commissione Europea, l’applicazione IceKing è una realtà: fornisce informazioni utili per organizzare il viaggio, dagli spostamenti alla scelta degli alloggi e ai consigli sull’equipaggiamento, e coinvolge i turisti nell’acquisizione di immagini dei ghiacciai, utili alla ricerca. Al termine del viaggio le foto e i video vengono studiati, messi on line e assemblati come un vero diario da condividere sui social o spedito a casa.

Con l’applicazione i tre ricercatori vogliono sensibilizzare la collettività sugli effetti dei cambiamenti climatici, aiutando i viaggiatori a compiere scelte sostenibili e motivandoli a contribuire alla ricerca scientifica per salvare la natura.
“Abbiamo scelto i ghiacciai”, spiega l’ingegnere Belingheri ”perché sono in pericolo e perché intorno a loro si muovono l’interesse degli scienziati e la passione di intere comunità montane. Poi, se l’app avrà successo”, conclude la ricercatrice “estenderemo l’esperimento anche ad altri ecosistemi, come le foreste e le spiagge”.

Per maggiori informazioni: www.icekingapp.com

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA