Le mostre del week end, da Rinascimento a Odin Teatret

A Roma il ricordo in foto di Giulio Andreotti uomo e politico

di Marzia Apice ROMA

ROMA - L'omaggio a Giulio Andreotti uomo e politico in due grandi mostre fotografiche a Roma, il ruolo degli animali nella pittura del Rinascimento a Brescia, tre giovani artisti protagonisti a Bergamo e la figura del cardinale Reginald Pole a Bagnoregio: sono alcuni dei principali appuntamenti del prossimo fine settimana.
    ROMA - Al Teatro Valle dal 17 gennaio al 17 febbraio arriva "Gli spazi segreti dell'Odin Teatret", una mostra installazione sulla compagnia fondata da Eugenio Barba nel 1964. Tra installazioni, proiezioni video, film e scenografie il pubblico può conoscere i diversi aspetti della relazione della storica compagnia con lo spazio, concepito come luogo d'incontro tra attore e spettatore, ma anche tempo condiviso e realtà di immaginazione e conoscenza. Sono due le mostre fotografiche dedicate a Giulio Andreotti nel centenario della nascita: "Una vita per lo Stato", ospitata presso il Senato della Repubblica, nella Biblioteca Giovanni Spadolini, dal 15 gennaio al 10 febbraio, e "Immagini di una vita" presso il Complesso Monumentale di San Salvatore in Lauro, Pio Sodalizio dei Piceni dal 16 gennaio al 17 febbraio. Curate dalla famiglia Andreotti, le due esposizioni raccontano con foto provenienti da archivi pubblici e collezioni private l'uomo accanto al politico, ma documentano anche le trasformazioni dell'Italia dall'immediato dopoguerra all'inizio di questo secolo. Aprirà il 20 gennaio "Arte in memoria", la rassegna biennale di arte contemporanea giunta alla sua decima edizione, a cura di Adachiara Zevi, in programma fino al 14 aprile alla Sinagoga di Ostia Antica. In mostra 4 artisti, Ruth Beraha, Norbert Hinterberger, Zbigniew Libera e Karyn Olivier, con un lavoro site specific sul tema della memoria, per rendere un luogo di culto come la sinagoga anche un luogo di cultura.
    BRESCIA - Sono circa 80 le opere che compongono la mostra "Gli animali nell'arte dal Rinascimento a Ceruti", curata da Davide Dotti e allestita dal 19 gennaio al 9 giugno a Palazzo Martinengo. L'esposizione, come in un vero "zoo artistico", indaga il ruolo dell'animale come fonte di ispirazione nella pittura antica, attraverso lavori emblematici di autori quali Guercino, Ceruti, Grechetto, Campi, Bachiacca, Cavalier d'Arpino, Giordano e Duranti.
    BERGAMO - Dal 17 gennaio al 24 febbraio alla Gamec - Galleria d'Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo tre mostre aprono il 2019, tutte a cura di Sara Fumagalli e Valentina Gervasoni e dedicate a tre giovani artisti: si tratta di "Hoysteria", la prima personale di Oscar Giaconia in un'istituzione museale italiana, la presentazione di "Deserto" e "Teorema Teorema Teorema", il lavoro di Jacopo Miliani nell'ambito della XI edizione della rassegna Artists' Film International, e la trilogia video "When Dreams Become Necessity" di Driant Zeneli. BAGNOREGIO (Vt) - Nelle sale di Palazzo Petrangeli fino al 31 gennaio sarà possibile visitare "Reginald Pole, tra Michelangelo e Shakespeare", mostra curata da Enzo Bentivoglio e Gian Maria Cervo. Attraverso opere di Tiziano, Marcello Venusti, Pier Leone Ghezzi da Daniele da Volterra, Giovanni da Cavino degli accademici di San Luca del XVII secolo e preziosi libri e documenti provenienti dal Venerable English College e da varie collezioni private, la mostra recupera la figura del cardinale d'Inghilterra (che per un solo voto non fu Papa) e documenta il movimento degli Spirituali da lui fondato proprio a Viterbo, nell'Italia tra Riforma e Controriforma.
   

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA