Rabatana di Tursi, un viaggio nel tempo

Tra reminiscenze arabe e bizantine e i percorsi di Albino Pierro

Redazione ANSA MATERA

MATERA - La "Rabatana" - il cuore antico fortificato di Tursi (Matera) con le reminiscenze arabe e bizantine, segno di una presenza e di contatti con altre civiltà mediterranee, ambienti ipogei con il sistema di raccolta delle acque, chiese e palazzi di diverse epoche, stradine e piazzette che delimitano un borgo suggestivo a ridosso di itinerari fluviali e marini, del santuario di Santa Maria di Anglona, e dei percorsi descritti dal poeta dialettale Albino Pierro - è al centro di un percorso di valorizzazione promosso dall'associazione Oikonimos.
    L'iniziativa, illustrata a Matera, sarà approfondita nel corso di un convegno organizzato a Tursi, il 20 dicembre, sul tema "Rabatana Turistica: quale futuro possibile" con la partecipazione di esperti e rappresentanti istituzionali. "La Rabatana e il territorio di Tursi - ha evidenziato Donato Fusco, presidente dell'associazione, nel corso della conferenza stampa alla quale hanno partecipato anche l'imprenditore Vincenzo Popia e il ricercatore del Cnr Maurizio Lazzari - rappresentano una opportunità interessante e stimolante di valorizzazione culturale e turistica, ma è prioritario che venga attivato un programma organico di messa in sicurezza dell'area e di bonifica statica degli edifici. Ed è questa la priorità da attuare, che chiediamo a enti locali e istituzioni. Per passare al recupero e alla valorizzazione dell'area, dove possono per esempio essere attivate residenze artistiche e presenze periodiche di studenti e appassionati". (ANSA).
   

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE: