Piero Tosi, artigiano della bellezza

Abiti e foto documentano lavoro nel cinema e anni da docente

Marzia Apice ROMA

ROMA - La sensuale lingerie di Sophia Loren in "Matrimonio all'italiana", il sontuoso abito da ballo di Claudia Cardinale ne "Il Gattopardo", ma anche le calze bucate di Ottavia Piccolo in "Bubù" e il vestito logoro di Marcello Mastroianni ne "I compagni". E poi i costumi realizzati con gli allievi in tanti seminari, veri capolavori di stoffa capaci di raccontare con un corpetto, una gonna, un pizzo o un bottone tutto lo spirito di un'epoca. È una storia di arte e artigianato, passione e generosità la mostra "Piero Tosi. Esercizi sulla bellezza. Gli anni del Csc. 1988-2016" nell'ambito della Festa del cinema (18-28 ottobre).

Al Palazzo delle Esposizioni dal 16 ottobre al 20 gennaio, l'esposizione celebra uno dei più importanti costumisti del cinema italiano e il suo lavoro di docente per 28 anni a Roma, presso il Centro Sperimentale di Cinematografia - Cineteca Nazionale. Nel percorso protagonisti sono i costumi d'epoca, frutto prezioso dei seminari di costume, trucco e acconciatura in cui Tosi nelle aule di via Tuscolana approfondiva un preciso periodo storico: gli abiti, una volta confezionati, venivano indossati dagli allievi e dalle allieve dei corsi di recitazione del Centro Sperimentale che con i propri corpi davano vita di fatto a veri personaggi per raccontare le varie epoche, dal Rinascimento al Novecento. Ogni costume, che nella mostra è possibile osservare da vicino (accanto a disegni e materiali), offre un chiaro esempio dell'efficacia di un metodo di lavoro (e di insegnamento) che Tosi pretendeva essere rigoroso, appassionato, mai teso al risparmio ma sempre rivolto all'approfondimento e alla cura estrema dei minimi dettagli, dalla documentazione storica al modello alle stoffe scelte, fino al trucco e al parrucco. In mostra non potevano ovviamente mancare le fotografie tratte dai film più celebri, in cui si vede la maestria di Tosi, premiato con l'Oscar alla carriera nel 2013, nell'ideare e realizzare costumi che contribuiscono a creare il personaggio, accanto a spezzoni di film e video e ai ritratti delle allieve con gli abiti dei seminari, tra cui Carolina Crescentini e Paola Minaccioni, nonché i lavori di 4 diplomati in costume al Csc con Tosi.

L'esposizione è dunque il doveroso omaggio che il Csc rende a uno dei suoi docenti più illustri: artista artigiano d'altri tempi, Tosi, che ad aprile festeggerà 92 anni, ha contribuito con talento e passione a rendere immortale il nostro cinema, arricchendo il lavoro di grandi registi, innanzitutto Visconti (per lui ha creato tra gli altri i costumi di Senso, Il Gattopardo, Rocco e i suoi fratelli), e poi Bolognini, Zeffirelli, Fellini, Pasolini, Cavani, Wertmuller, Amelio. "Tosi si merita questa mostra, perché è un genio, un artista, un artigiano. Solo il Centro Sperimentale avrebbe potuto raccontare la sua attività di docente: è stato un maestro generoso ma anche molto esigente, io ho spesso visto piangere i suoi allievi. Era il primo ad arrivare sul set o in aula, e non ammetteva che non si lavorasse con passione e concentrazione", dice all'ANSA Stefano Iachetti, curatore con Giovanna Arena, Virginia Gentili e Carlo Rescigno, "a lui non piace parlare di 'metodo Tosi', ma abbiamo voluto documentare il suo modo di curare ogni cosa che ruotava attorno al costume, dalla ricerca dell'esempio pittorico o fotografico alla realizzazione dei disegni, dalla scelta dei materiali al volto fino ai dettagli dell'acconciatura".

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA