Mont'e Prama: il gigante 'Manneddu' ritorna a Cabras

Dopo Cagliari e tour internazionale per mostra itinerante

Redazione ANSA CABRAS

(ANSA) - CABRAS, 04 OTT - Festa a Cabras (Oristano) con tanto di accoglienza dei ragazzi delle scuole per il ritorno a casa di 'Manneddu'. Il gigante pugilatore, uno dei pezzi più imponenti (193 centimetri di altezza e 330 chili) dei reperti di Mont'e Prama, dopo essere stato a Cagliari e in giro per il mondo per la mostra itinerante "Sardegna Isola Megalitica", ora fa compagnia alle altre statue nella sala del museo civico Giovanni Marongiu. "Oggi - dichiara il presidente della Fondazione Mont'e Prama Anthony Muroni - si completa la prima parte della riunificazione del complesso monumentale di Mont'e Prama e si dà un significato simbolico alla collaborazione fra ente locale, ministero e Regione sublimata dalla presenza di questi enti all'interno della Fondazione". Comune soddisfatto: "L'operazione di oggi è da considerarsi come un primo avvio rispetto al completamento del grande allestimento della nuova sala del museo - afferma il sindaco Andrea Abis - . È una tappa significativa perché determina un punto di arrivo importante, con una scultura che ritorna a Cabras senza esserci mai stata prima, se non nelle origini". La direttrice della Fondazione Nadia Canu ha parlato di "inizio veramente eccezionale, segnato dall'arrivo di questa scultura che riprende il processo della riunificazione del complesso scultoreo". Francesco Muscolino, direttore del Museo Archeologico Nazionale di Cagliari, ha ricordato il momento in cui si decise di dare in prestito la scultura di Mont'e Prama, allora custodita al MAN di Cagliari, per la mostra itinerante "Sardegna Isola Megalitica". (ANSA).
   

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie