Bressanone, magico Natale alla corte del vescovo

Arte, creatività e tradizione con uno spettacolo di luci e musica e il mercatino di piazza Duomo

di Ida Bini

BRESSANONE - Il Natale di Bressanone, accogliente e incantevole città altoatesina della Valle Isarco tra Bolzano e il Brennero, si arricchisce quest’anno di uno spettacolo unico nel suo genere, fatto di luci, musica e canti. Fino al 6 gennaio “Natalie”, originale fiaba invernale ideata dagli artisti francesi di Spectaculaires-Allumeurs d’Images, viene proiettata sulla facciata del palazzo vescovile tre volte al giorno: alle 17.30, alle 18.30 e alle 19.30, tranne la vigilia e il giorno di Natale. E’ la storia raccontata in musica e luci di Natalie, giovane cameriera della Hofburg - interpretata dalle cantanti brissinesi Vicky Obermarzoner ed Elisa Pirone - che, intrappolata nella sua routine quotidiana, sogna una vita avventurosa fuori dal palazzo. Un giorno, spolverando una statua, la giovane innesca un meccanismo che risveglia dal suo sonno secolare il signor Hofburg, l’anima del palazzo. Inizia così una grande avventura di incontri inattesi con personaggi di fantasia, animati da magici giochi di luce, corse e voli pindarici nel palazzo tra canti, balli, musica ed effetti di video mapping in 3D. E’ un poetico spettacolo multimediale molto coinvolgente, dove l’attrice canta dal vivo e interagisce con personaggi animati proiettati a 270 gradi nel cortile interno della Hofburg. Per informazioni sul costo dei biglietti: www.brixen.org/natalie

Oltre allo spettacolo e alla pista di pattinaggio sul ghiaccio, il centro di Bressanone ospita un delizioso mercatino di Natale con 36 caratteristiche casette in legno in piazza Duomo, all’ombra delle due imponenti torri campanarie della cattedrale. Le bancarelle che profumano di mele e cannella espongono decorazioni natalizie, prodotti bio del territorio e oggetti artigianali per la casa mentre gli stand offrono le immancabili prelibatezze enogastronomiche altoatesine. Nel mercatino, inoltre, si esibiscono artigiani della tradizione e cori locali in diversi concerti dell’Avvento; oltre alle passeggiate in carrozza per la città, i bambini possono divertirsi sulla storica giostra a vapore, sempre in piazza Duomo. Il mercatino è aperto dalle 10 alle 19; il venerdì e il sabato fino alle 19.30 e la domenica dalle 9.30 alle 19 mentre gli stand gastronomici chiudono un’ora più tardi.

Il Natale a Bressanone è davvero un’esperienza magica anche grazie all’atmosfera unica che si vive qui, nella città più antica del Tirolo meridionale: il mercatino, i canti dell’Avvento e lo spettacolo multimediale si uniscono alle molte attività culturali della città. Passeggiando nel centro storico merita una visita il museo della Farmacia, che raccoglie in un’abitazione medievale vecchi vasi e boccali per antichi rimedi ed erbe, vetri e maioliche per unguenti. Bello da visitare è anche il museo dei Presepi, allestito nel palazzo vescovile: qui si trovano una storica e prestigiosa collezione di statuette artistiche, come quelle appartenute al principe vescovo Karl Franz von Lodron che commissionò le statue ad artisti tirolesi e bavaresi. Di grande valore sono anche due collezioni di presepi genovesi in avorio del Seicento e un Bambino Gesù di Praga della fine del XVII secolo. Sotto i portici del centro sono tante le botteghe artigianali, soprattutto quelle del legno: l’arte dell’intaglio, infatti, arriva dalla vicina Val Gardena dove i contadini amavano scolpire gli oggetti da vendere nei mercati.
Un altro gioiello di Bressanone, che merita di essere scoperto, è l’abbazia di Novacella, a due passi dalla città: è un maestoso luogo sacro in cui convivono edifici in stile romanico, barocco, rococò e gotico. Edificata nel 1142, l’abbazia agostiniana offriva rifugio ai pellegrini in viaggio verso Roma o la Terra Santa, via Venezia, diventando presto un importante luogo religioso e culturale. Conobbe solo un periodo buio durante l’invasione napoleonica, ma già nel 1816 venne ricostruita grazie a Francesco I. Oggi dell’abbazia, abitata da 19 canonici e 4 novizi, si visitano il chiostro, la basilica e il cortile con il pozzo delle Meraviglie, coperto da un’edicola ottagonale. Con una visita guidata, disponibile a ogni ora se prenotata, si può accedere alla pinacoteca e alla maestosa biblioteca su due piani che conserva 98 mila volumi. Nel complesso di Novacella, che ospita un collegio e convitto per ragazzi, si organizzano anche corsi di pittura, seminari e campi sportivi. Ma fiore all’occhiello dell’abbazia è la sua rinomata cantina: sui soleggiati pendii che la circondano vengono coltivate da otto secoli uve in prevalenza a bacca bianca, mentre quelle a varietà rossa provengono dai vigneti di Cornaiano e Bolzano, sempre di proprietà di Novacella. Nella moderna cantina del convento si producono le due linee - classica e Praepositus – che si annoverano tra le migliori etichette dell’Alto Adige con circa 800 mila bottiglie prodotte ogni anno. Per maggiori informazioni: www.abbazianovacella.it

La magia del Natale di Bressanone continua anche nei dintorni, come nell’affascinante mercatino medievale di Chiusa, illuminato solo da fiaccole e lanterne, da visitare solo nel weekend. In un bosco di Sant’Andrea, località che domina Bressanone, infine, da qualche mese è possibile soggiornare in un albergo costruito sugli alberi: è l’hotel My Arbor, un resort ecologico, un’oasi di pace realizzato come una palafitta sopra gli alberi. Qui, oltre a un ottimo centro benessere, è possibile partire per escursioni guidate con gli sci o a piedi. Informazioni: www.my-arbor.com

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA