Covid: test veloci in farmacia sold out a Bologna

'Primi posti liberi a novembre. Test anche a bimbi'

Boom di prenotazioni per i test sierologici rapidi nelle farmacie di Bologna. Nel primo giorno dello screening, dedicato a studenti (0-18 anni), familiari e iscritti all'Università assistiti in Emilia-Romagna, molte hanno già registrato il pieno di richieste almeno per le prossime due settimane. "I primi posti liberi sono il 4 novembre - spiega Alessia Scaramelli della Farmacia Alberani di via Farini - Riusciamo a eseguire un test ogni 30 minuti circa". "È stata una risposta eccezionale - prosegue Elisa Tassi, titolare Farmacia del Porto in via Marconi - Riceviamo su appuntamento, le richieste sono iniziate la settimana scorsa. Questa mattina il secondo test lo abbiamo fatto a un bimbo di 4 anni accompagnato dalla mamma".

In regione, secondo le prime stime di Federfarma E-R, l'adesione è stata altissima: hanno aderito circa 800 farmacie con un boom di prenotazioni. Si stima inoltre, al ribasso, che solo nella prima giornata saranno tra gli 8 e i 10.000 i test effettuati.

COME FUNZIONA - Ad oggi questo screening gratuito in farmacia si rivolge a un target molto preciso: alunni/studenti (0-18 anni e maggiorenni che frequentano la scuola secondaria superiore) e loro conviventi, ma anche studenti universitari col medico curante in regione. L'esecuzione del test avviene su appuntamento e avviene con autoprelievo (pungidito). Il risultato arriva in 15 minuti. In caso di positività al test, il cittadino viene contattato dai Dipartimenti di Sanità Pubblica aziendali per eseguire il tampone nasofaringeo che potrà rilevare l'eventuale presenza del virus. Ciò consente di individuare le persone che hanno contratto il virus e sono asintomatiche e conseguentemente di impedire la nascita di focolai di Covid-19.

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere
      Aeroporto di Bologna



      Modifica consenso Cookie