Collane e anelli erano falsi, sequestrato 1 milione di monili

In un market di Torino scoperte anche mascherine non a norma

Redazione ANSA TORINO

TORINO - Perla di Boemia, zircone, corallo, argento, madreperla. Sono le indicazioni riportate su un milione di articoli sequestrati dalla Guardia di Finanza di Torino, ma che in realtà erano prodotte artificialmente con pasta vitrea o ceramica. Collane, bracciali, orecchini e anelli avrebbero consentito al gestore di un market di 'Porta Palazzo', lo storico mercato nel centro di Tornio, un profitto di oltre 1 milione di euro.
    Nel corso della perquisizione, i finanzieri del Gruppo Pronto Impiego del capoluogo piemontese, coordinati dal Pool Tutela del Consumatore della Procura della Repubblica Torinese, hanno anche rinvenuto centinaia di mascherine che, oltre a non essere conformi, riportavano falsamente il marchio di note griffe della moda mondiale. Tra queste molte con il loro della nota app Tik-Tok, popolarissima tra i giovanissimi. La titolare dell'attività è stata denunciata per frode in commercio, false indicazioni di origine e qualitative della merce, contraffazione e ricettazione. Rischia anche sanzioni sino a 25mila euro. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


"Il progetto "Be Aware, protect your future" è stato cofinanziato dall'EUIPO - Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale nel quadro dell'invito a presentare proposte GR/002/19 "Sostegno ad attività di sensibilizzazione al valore della proprietà intellettuale e ai danni provocati dalla contraffazione e dalla pirateria (2019/C 181/02)". L'EUIPO non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre l'EUIPO non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."

Modifica consenso Cookie