Editori Ue, bene sentenza in Francia su Google

'Genera introiti da visualizzazioni articoli'

Redazione ANSA

BRUXELLES - Le associazioni degli editori Ue dei periodici e dei giornali, Enpa e Emma, accolgono con favore la decisione della Corte d'appello di Parigi che obbliga Google a negoziare con gli editori una giusta remunerazione per i contenuti condivisi online. Così in una nota congiunta Enpa e Emma. "Mentre gli Stati membri stanno recependo l'articolo 15 della direttiva sul copyright, la decisione della Corte d'appello di Parigi che obbliga Google a negoziare in buona fede costituisce il giusto precedente nel primo Stato membro fino ad oggi ad aver attuato un diritto degli editori", ha detto Jean-Pierre de Kerraoul, presidente di Enpa.

La Corte d'Appello di Parigi ha chiarito che la visualizzazione di contenuti editoriali rappresenta per Google un interesse economico rilevante, in quanto genera introiti pubblicitari oltre che promuovere il suo motore di ricerca. "La Corte conferma la decisione dell'Autorità respingendo il rifiuto di Google di retribuire gli editori sulla base della presunzione, errata, che il valore che apporta agli editori nel mostrare i loro contenuti sia sufficiente ". ha detto Xavier Bouckaert, presidente di Emma.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


"Il progetto "Be Aware, protect your future" è stato cofinanziato dall'EUIPO - Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale nel quadro dell'invito a presentare proposte GR/002/19 "Sostegno ad attività di sensibilizzazione al valore della proprietà intellettuale e ai danni provocati dalla contraffazione e dalla pirateria (2019/C 181/02)". L'EUIPO non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre l'EUIPO non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."

Modifica consenso Cookie