IA: S&D voterà per nuove regole a tutela della creatività

'Garantire rimborsi e accesso alla giustizia'

Redazione ANSA

BRUXELLES - Il gruppo dei Socialisti e Democratici (S&D) al Parlamento europeo voterà a favore delle proposte per regolamentare l'Intelligenza Artificiale con disposizioni chiare che, tra l'altro, tutelino la proprietà intellettuale, prevedano giusti risarcimenti e introducano il principio della responsabilità civile. Le votazioni di due iniziative legislative e di un'ulteriore risoluzione non vincolante sono in programma per martedì. Lo rende noto lo stesso Gruppo.

"Quando c'è un danno, vogliamo garantire che sia previsto un giusto risarcimento e un accesso effettivo alla giustizia per i cittadini e i consumatori in tutta l'Ue", ha detto Evelyne Gebhardt relatrice ombra S&D del rapporto sul regime di responsabilità civile per l'IA. "Con l'emergere delle nuove tecnologie digitali vogliamo garantire un risarcimento contro i danni alla persona, discriminazioni per genere, salute, etnia o religione".

Il Gruppo sostiene che sia necessaria una condivisione di dati tra i vari attori per far sì che lo sviluppo tecnologico non sia nelle mani solo di poche Big Tech. "Affinché l'Ue sia leader mondiale per l'intelligenza artificiale, abbiamo bisogno di un sistema di proprietà intellettuale efficace per promuovere l'innovazione e la condivisione dei dati, salvaguardando al tempo stesso la creatività umana", ha aggiunto Tiemo Wölken, relatore ombra della relazione sui diritti di proprietà intellettuale nell'intelligenza artificiale.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


"Il progetto "Be Aware, protect your future" è stato cofinanziato dall'EUIPO - Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale nel quadro dell'invito a presentare proposte GR/002/19 "Sostegno ad attività di sensibilizzazione al valore della proprietà intellettuale e ai danni provocati dalla contraffazione e dalla pirateria (2019/C 181/02)". L'EUIPO non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre l'EUIPO non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."

Modifica consenso Cookie