US Open, è Woodland il nuovo re

Finisce il regno di Koepka, battuto dal texano: "Ce l'ho fatta"

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 17 GIU - Gary Woodland è il nuovo re dell'US Open di golf. Finisce, dopo i successi 2017 e 2018, il regno di Brooks Koepka. Il leader mondiale a Pebble Beach sfiora uno storico tris e conquista la medaglia d'argento. Sedicesimo posto per Francesco Molinari, 21mo per Tiger Woods. "Ho sempre creduto nelle mie qualità - la gioia di Woodland -, adesso posso dire di avercela fatta. E' stato l'anno più duro della mia vita, ma ho lavorato sodo circondandomi di persone straordinarie". Primo successo Major per il 35enne di Topeka, che ha scelto il golf dopo aver sognato d'imporsi a grandi livelli nel basket.
    Finale show in California per il texano che, con 271 (-13), ha superato di tre colpi la concorrenza di Koepka, secondo con 274 (-10). Niente triplete per il 29enne di West Palm Beach (Florida), che si conferma su livelli strepitosi senza però riuscire ad eguagliare il primato dello scozzese Willie Anderson, l'unico ad affermarsi per tre volte di fila (tra il 1903 e il 1905) nella storia del torneo. Sul percorso del Pebble Beach Golf Links (par 71), terzo posto (277, -7) ex aequo per Jon Rahm, Chez Reavie, Xander Schauffele e Justin Rose, crollato nel finale. Ancora un piazzamento nella Top 10 per Rory McIlroy, nono (279, -5). Mentre Molinari ha conquistato la 16ma posizione (281, -3) piazzandosi davanti a Woods, 21mo (282, -2). Parziale di 70 (-1) colpi per l'azzurro nell'ultimo round, iniziato con quattro birdie nelle prime otto buche giocate e macchiato da un doppio bogey (il terzo della settimana) alla buca 9.
    Sfuma per il sesto anno consecutivo la possibilità di realizzare il Grande Slam per Phil Mickelson. Continua la maledizione US Open per il mancino di San Diego, 52mo (288, +4). Solo 35mo, invece, Dustin Johnson (285, +1). Quarto successo sul PGA Tour per Woodland che, nel 2019, ha fatto registrare anche due secondi posti: uno al Sentry Tournament of Champions, l'altro nel CJ Cup. L'americano non vinceva dal febbraio 2018, quando s'impose nel Phoenix Open dopo un digiuno di vittorie lungo cinque anni. E adesso un nuovo exploit per un player devoto alla famiglia che, in California, ha intascato un assegno da 2.250.000 dollari su un montepremi totale di 12.500.000 $. Battendo il gigante dei Major, Koepka. Padre e marito, ancor prima che giocatore, la storia di Woodland ha commosso il mondo. Per un campione che ha sofferto al punto di voler appendere al chiodo ferri e bastoni salvo poi rinascere sul green. L'amata moglie Gabby Granado nel 2017 ha perso uno dei due gemelli in attesa. Mentre Jaxon è nato prematuramente (dieci settimane prima del termine). Soprannominato il "miracolato" da Woodland e ora sanissimo, è diventato il più grande successo di un campione, anche nella vita, che ha lottato a lungo e adesso si gode il sapore del trionfo.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE: