ANSAcom

Export: Intesa, a Brescia -18% nel primo semestre

Intesa, quadro incerto ma territorio ha risorse per ripartire

ANSAcom

Nei primi sei mesi del 2020 le esportazioni bresciane hanno subito un calo del 18,1%, contro il 15,3% della media italiana. E' questa "una prima valutazione degli effetti della crisi in corso" , messa in evidenza da un'analisi sul contesto produttivo di Brescia e provincia, realizzata dalla Direzioni Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo.

Metalmeccanica e automotive sono i settori più colpiti, sia per le misure di contenimento della pandemia sia per la grande incertezza dei mercati "che ha portato a rivedere i piani di investimento e a posticipare gli acquisti di beni più voluttuari", spiega lo studio. I settori più resilienti sui mercati internazionali sono la farmaceutica, il biomedicale e le industrie alimentari. Buona tenuta anche della chimica (-0,2%), sostenuta dalla domanda di componenti per prodotti legati alla detergenza e alla sanificazione.

"Il quadro complessivo rimane ancora estremamente incerto e condizionato da una serie di incognite", ma "il territorio bresciano - secondo Intesa Sanpaolo - ha in sé le risorse per tornare a crescere. Sarà fondamentale riuscire a trasformare le criticità dell'attuale scenario competitivo in opportunità, anche puntando con più decisione sui temi della sostenibilità, della digitalizzazione e del capitale umano".

In collaborazione con:
Intesa Sanpaolo

Archiviato in


      Modifica consenso Cookie