Manifesto antigay in studio medico

Medico savonese convinto, omosessualità è una patologia

Arcigay di Savona ha presentato un esposto all'Ordine dei medici chiedendo provvedimenti disciplinari contro un medico savonese che nel suo studio ha affisso un cartellone consigliando una comunità terapeutica di Brescia cui rivolgersi per 'guarire' dalla omosessualità. Il medico, Fabio Vaccaro di 64 anni, si è detto convinto che "omosessuali si diventa per dinamiche familiari ed è giusto aiutare queste persone a diventare uomo e donna. La crisi della famiglia è il trampolino di lancio per l'omosessualità - ha detto Vaccaro al quotidiano ligure - e il gay è destinato a una insoddisfazione con disagi psichici che vanno curati perché creano dolore". Secondo il presidente di Arcigay di Savona Mirko Principato "è aberrante che un medico faccia propaganda a queste realtà e sostenga tali teorie all'interno di uno studio medico".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere