Percorso:ANSA > Nuova Europa > Germania > Coronavirus: in Europa Centro-Est forte aumento nuovi casi

Coronavirus: in Europa Centro-Est forte aumento nuovi casi

Nell'ultima settimana. Ma numero di decessi in calo

15 settembre, 16:20
(di Stefano Giantin) (ANSA) - BELGRADO, 15 SET - È in significativo aumento il numero dei nuovi casi di contagio da coronavirus nell'Europa centro-orientale, mentre i decessi sono in rallentamento. Lo rilevano i dati raccolti dall'Organizzazione mondiale della sanità relativi alla settimana tra il 7 e il 13 settembre.

Altri 70.464 nuovi casi di coronavirus (+17,5% rispetto alla settimana precedente) e 1.068 nuovi decessi (-5,8%) sono stati comunicati dai Paesi balcanici e dell'Europa centro-orientale all'Oms nella settimana fino al 13 settembre, portando il totale dei casi dall'inizio dell'epidemia nella regione a 950.093, i decessi a 27.201.

Ucraina, ma anche Cechia, Ungheria e Austria hanno registrato un significativo aumento dei nuovi contagi la settimana scorsa.

Kiev ha osservato 18.441 nuove infezioni rispetto alle 16.820 della settimana prima, la Cechia 7.649 contro 3.658, l'Ungheria 3.933 contro 2.223, l'Austria 3.895 contro 2.119. La Romania ha registrato altri 8.522 contagi, portando il numero totale da inizio epidemia a oltre centomila.

Secondo i dati Oms, i Paesi dell'Europa centro-orientale che hanno registrato più nuovi casi negli ultimi sette giorni sono stati Ucraina (18.441) - quinta in Europa per crescita contagi dopo Francia, Spagna, Russia e Regno Unito - Germania (9.443), Romania (8.522) e Cechia 7.649.

Il più alto numero di casi da inizio epidemia è stato registrato in Germania (259.428), seguita da Ucraina (154.335), Romania (102.386), Bielorussia (73.975), Polonia (73.650), Moldova (42.714), Cechia (35.401), Austria (32.951) e Serbia (32.300). Il Montenegro è ora il Paese della regione con più casi totali per milione di abitanti (10.677 contro i 4.735 dell'Italia), seguita da Moldova (10.589), Bielorussia (7.829), Kosovo (7.806), Macedonia del Nord (7.533), Bosnia-Erzegovina (6.783), Romania (5.322) e Serbia (4.638), mentre il tasso più basso è al momento registrato in Lettonia (776).

I Paesi della regione che hanno registrato il maggior numero di nuovi decessi nell'ultima settimana sono stati Ucraina (332), Romania (277), Polonia (69), Moldova (55) e Bulgaria (52).

Nell'Europa centro-orientale nel suo complesso le nazioni con più decessi totali da inizio epidemia sono Germania (9.349), Romania (4.127), Ucraina (3.178), Polonia (2.182), Moldova (1.118), Austria (754), Bielorussia (744), Serbia (731) e Bulgaria (717). Ora è il Kosovo il Paese dell'area con il più alto decessi per milione di abitanti (311 contro i 589 dell'Italia), seguito da Macedonia del Nord (310), Moldova (277), Romania (215) e Bosnia-Erzegovina (204), mentre il rapporto più basso è stato registrato in Slovacchia (7).

Un totale di 239.910 casi e 8.265 decessi da inizio epidemia sono stati confermati fino al 13 settembre in Slovenia, Croazia, Bulgaria, Romania e nei Balcani occidentali (Serbia, Bosnia-Erzegovina, Montenegro, Kosovo, Macedonia del Nord, Albania). (ANSA).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati