Coldiretti, per vini piemontesi perdite 60-70%

"Primi segnali di speculazioni sul settore"

(ANSA) - TORINO, 03 APR - Anche il comparto vitivinicolo piemontese accusa il colpo dell'emergenza Coronovirus. Secondo un'indagine di Coldiretti, il giro d'affari ha subito una flessione del 60-70%. Ai mancati consumi in bar, ristoranti e alberghi, si sommano ritardi e disdette di ordini oltre confine.
    "Come vari comparti della nostra agricoltura, non mancano i primi segnali di speculazioni sul vitivinicolo - afferma Marco Reggio presidente di Coldiretti Asti con delega regionale al settore vitivinicolo - Con prezzi e consumi in aumento, soprattutto nella grande distribuzione, in questo momento delicato a soffrire maggiormente sono i produttori che attuano la vendita diretta e quelli che lavorano in larga parte con i paesi stranieri. Siamo tra le maggiori regioni vitivinicole, le cui produzioni sono apprezzate oltre i confini nazionali proprio per l'elevata qualità. - prosegue Reggio - Il vino piemontese, che vanta 42 Doc e 17 Docg, è cresciuto proprio scommettendo sulla sua identità e questo ha permesso di conquistare sempre più anche i palati stranieri".
    "Per prevenire il collasso del settore" - sottolineano Roberto Moncalvo, presidente di Coldiretti Piemonte, e Bruno Rivarossa, delegato confederale - oltre al piano 'salva vigneti', sono necessarie specifiche agevolazioni fiscali e previdenziali da applicare a tutte le imprese agricole operanti nel settore vitivinicolo, senza le limitazioni previste dal decreto 'Cura Italia'. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie