Oreficeria: Ubi Banca a sostegno comparto aretino

Nuova tipologia prestito d'uso presentata Cciaa Arezzo

(ANSA) - AREZZO, 07 AGO - Una nuova tipologia di prestito d'uso oro, "i cui elementi di novità sono la durata massima di 60 mesi e l'acquisizione della garanzia del medio credito centrale applicata a questo particolare strumento di credito che sarà assistito dalla garanzia statale di cui all'art.13 Dl 23/2020 (Decreto liquidità)". E' la nuova forma di finanziamento per sostenere la liquidità delle aziende associate al comparto orafo aretino studiata da Ubi Banca nell'ambito del programma Rilancio Italia, e presentata oggi nella sede della Camera di commercio di Arezzo.
    "La nuova tipologia di prestito d'uso in oro - spiega una nota - sarà finalizzata, in una prima fase, al consolidamento di operazioni in essere, attraverso l'erogazione di un credito aggiuntivo in misura pari ad almeno il 25% del quantitativo già concesso. Successivamente l'iniziativa verrà estesa anche ad operazioni di nuova finanza che interesseranno nuova clientela e nuove richieste". "L'approfondita conoscenza del comparto orafo ha consentito alla nostra banca di ingegnerizzare il prestito d'uso in oro estendendo i benefici che il Decreto liquidità ha offerto ad altri settori della manifattura in termini di garanzie e condizioni" ha sottolineato Cristian Fumagalli, responsabile della Macro Area Lazio, Toscana e Umbria. " Lo strumento che Ubi Banca ha presentato - ha commentato Massimo Guasconi presidente della Camera di Commercio di Arezzo e Siena - costituisce un importante intervento a sostegno dell'intero comparto orafo aretino. Il prodotto finanziario utilizzando al meglio anche le risorse messe a disposizione dal governo centrale rappresenta quindi un'importante opportunità per le oltre 1.200 aziende del Distretto". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai al sito: ANSA Professioni

Modifica consenso Cookie