Inpgi, -3.000 posti di lavoro in 5 anni

Macelloni, male gestione principale giornalisti, +550% cig 2016

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 18 GIU - Nel corso degli anni, le "criticità" dell'Inpgi sono "le stesse che ha subito il sistema generale, cioè un calo fortissimo del lavoro dipendente, la trasformazione da lavoro dipendente a lavoro autonomo", fattori che hanno portato ad "uno sbilancio previdenziale, nell'ultimo anno, di circa 147 milioni" nella gestione principale, mentre, "al contrario, la gestione separata, quella che assicura i lavoratori autonomi, registra costantemente tassi di crescita molto alti, sia del patrimonio, che degli iscritti". A dirlo, in audizione nella Commissione Bicamerale di controllo sugli Enti gestori di forme previdenziali pubbliche e private, la presidente della Cassa pensionistica dei giornalisti, Marina Macelloni, scandendo come non sia "la professione giornalistica, in quanto tale, in crisi", bensì la sua "modalità di svolgimento, che si sta trasformando: negli ultimi 5 anni noi abbiamo perso 3.000 rapporti di lavoro dipendente, pari al 15% della platea", un tasso "più alto dei tassi di disoccupazione generale". Inoltre, per quel che riguarda gli ammortizzatori sociali erogati dall'Inpgi, "dal 2010 si è manifestata una progressiva crescita della spesa, che ha raggiunto il suo apice nel 2016, con un aumento per gli assegni di cassa integrazione pari al 550% circa e per i contratti di solidarietà pari al 700% circa", ma già nel 2017, osserva Macelloni, "si è verificata una diminuzione delle richieste, probabilmente collegata all'esaurimento momentaneo dei fondi statali stanziati per i pre-pensionamenti". In base a quanto si legge nel bilancio consuntivo per il 2018, la contrazione dei ricavi della gestione principale dell'Inpgi "deriva dallo diminuzione dei rapporti di lavoro in essere" scesi "dai 15.771 del 2017 ai 14.870" dell'annualità passata (-5,71%). (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Archiviato in