Aiuti a famiglie, accordo maggioranza-opposizione

Consiglio regionale, riunione dei capigruppo

Alla riunione dei capigruppo che si è tenuta a distanza di venti giorni dall'approvazione della Finanziaria, maggioranza e opposizione hanno trovato un accordo.
    Entro 48 ore la Giunta presenterà un testo contenente una serie di provvedimenti destinati al sostegno dei settori economici e sociali, che affiancheranno il lavoro quotidiano dell'intera macchina regionale sul fronte dell'emergenza sanitaria.
    Al vertice convocato dal presidente del Consiglio regionale, Michele Pais, ha partecipato, collegato in videoconferenza, anche il presidente della Regione Christian Solinas, che ha illustrato le azioni della Giunta sul fronte dell'emergenza sanitaria e ha chiesto la collaborazione di tutti, una corsia preferenziale per le misure mirate a dare liquidità immediata alle famiglie e imprese in difficoltà. "Ho chiesto alla classe dirigente della Sardegna di fare fronte comune: le emergenze non hanno colore politico e non devono essere terreno di scontro - ha spiegato Solinas - il popolo sardo ci giudicherà sulla base della nostra capacità di trovare, oggi, unità di intenti e mettere in campo soluzioni condivise e adeguate. Ringrazio i capigruppo per il clima costruttivo dimostrato oggi, che ha consentito di iniziare un percorso".
    Pais, di concerto con i capigruppo, ha assicurato che l'Assemblea è pronta a riunirsi per approvare i provvedimenti necessari anche utilizzando le nuove tecnologie per assicurare la massima sicurezza. Le opposizioni hanno assicurato la totale disponibilità anche alla convocazione delle commissioni per esaminare i provvedimenti più urgenti.
    Il capogruppo dei Progressisti Francesco Agus, in particolare, ha dichiarato che "è positivo il fatto che la maggioranza abbia rinunciato a forzare la mano sul piano casa. Nessuno avrebbe capito una tale divagazione in un momento in cui le urgenze sono altre". Ora, ha aggiunto, "serve intervenire a sostegno di famiglie e imprese in crisi economica con cifre considerevoli.
    Si elimini dal bilancio ogni voce non indispensabile e si concentrino gli sforzi su un piano anti crisi. Poi serve convocare subito la commissione sanità per esaminare gli atti e approfondire le ultime decisioni, come quella sul coinvolgimento della sanità privata sul quale solleviamo molti dubbi". 

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie