Sardegna
  1. ANSA.it
  2. Sardegna
  3. Cna: nascite in calo e pochi servizi per l'infanzia

Cna: nascite in calo e pochi servizi per l'infanzia

Appello per incentivare natalità e potenziare asili

Il basso livello di natalità della nostra regione, conseguenza della generale tendenza delle donne a ritardare l'ingresso nella vita riproduttiva, ha ridotto il numero di nascite a meno di un figlio per donna, molto al di sotto del livello di sostituzione generazionale." Per incentivare una ripresa della natalità, che continuando di questo passo aprirebbe scenari drammatici per la nostra regione, sarebbe necessario un potenziamento dei servizi per l'infanzia che viceversa nell'sola non brillano". È quanto emerge da recente report del centro studi della Cna sui servizi per l'infanzia in Sardegna. In base all'analisi, in Sardegna la rete degli asili nido risulta coprire principalmente l'area metropolitana di Cagliari, ma lascia pressoché scoperti i comuni minori e le aree interne. Particolarmente carente nell'isola risulta l'offerta pubblica: (11,2 posti disponibili per 100 utenti potenziali) e molto elevati sono i costi a carico degli utenti: 1.139 euro per utente contro i 595 euro delle regioni del Sud Italia.

Le proiezioni evidenziano peraltro per i prossimi 20 anni una dinamica delle nascite in ulteriore calo, effetto della bassa natalità associato a un progressivo invecchiamento della popolazione sarda.

La Sardegna si colloca poco al di sopra della media nazionale (24,6) ed al decimo posto nella graduatoria delle regioni italiane per i servizi per l'infanzia. Alla fine del 2019 nell'isola erano localizzati 335 servizi per la prima infanzia, con 8.556 posti autorizzati al funzionamento: 3.388 nel settore pubblico (39,6%) e 5.168 nel settore privato (60,4%) La rete degli asili nido isolani copre principalmente l'area metropolitana di Cagliari, ma lascia pressoché scoperti i comuni minori e le aree interne (solo il 24,1% dei Comuni sardi, infatti, risulta coperto dal servizio). Particolarmente carente nell'isola risulta l'offerta pubblica: in Sardegna il 21,5% della domanda di servizi per l'infanzia trova soddisfazione in strutture private con riserva di posti. Molto alti i costi a carico degli utenti: 1.139 euro per utente contro i 595 euro delle regioni del Sud Italia "Incentivare la natalità per invertire nel medio-lungo periodo il processo di declino socio-demografico in atto rappresenta un obiettivo prioritario per la Sardegna - commentano Pierpaolo Piras e Francesco Porcu, rispettivamente presidente e segretario regionale della Cna Sardegna -: un programma di investimento pubblico per il potenziamento dei servizi per l'infanzia, soprattutto nei comuni minori, è oggi una strada obbligata. La carenza di servizi educativi per l'infanzia finisce per condizionare negativamente l'offerta di lavoro femminile riducendo il tasso di partecipazione delle donne nel mercato del lavoro. Il PNRR - continuano Piras e Porcu - offre l'opportunità anche in Sardegna di attuare la costruzione, riqualificazione e messa in sicurezza degli asili e delle scuole dell'infanzia, migliorando l'offerta educativa, offrendo un concreto aiuto alle famiglie, incoraggiando la partecipazione delle donne al mercato del lavoro e la conciliazione tra vita familiare e professionale". 
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie