Teca definitiva per 'Sindone di Arquata'

Sarà esposta nella Cattedrale di Sant'Emidio a Ascoli

(ANSA) - ASCOLI PICENO, 22 MAG - A quasi tre anni dal terremoto del 016, la Sindone di Arquata del Tronto domenica prossima verrà posta nella sua collocazione definitiva, la nuova teca che ne permetterà l'esposizione ai fedeli nella cattedrale di Sant'Emidio ad Ascoli Piceno. La copia, "Extractum ab originali", del telo conservato a Torino, una settimana dopo la prima scossa che causò morti e distruzione venne recuperata dalla chiesa pericolante di San Francesco, ad alto rischio di crollo, con un complesso intervento dei vigili del fuoco, dei carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio e dei tecnici del Mibac. Il primo settembre 2016 venne trasferita nel Duomo di Ascoli, sotto l'occhio vigile del vescovo Giovanni D'Ercole ed esposta provvisoriamente nella cappella del Santissimo. Il telo sarà ora collocato in una nuova teca, definitiva, nel corso di una cerimonia organizzata da Diocesi di Ascoli, Comune di Arquata, associazione "Il Portico di Padre Brown" in programma domenica 26 maggio alle 21:15 in Cattedrale. "Si tratta di un momento significativo - commenta il vescovo D'Ercole - un passo avanti in attesa di poter ricollocare il telo a casa sua, nella chiesa di San Francesco ad Arquata, quando saranno ultimati i necessari lavori di restauro. Nel frattempo, però, sarà visibile a tutti nel Duomo di Ascoli e questo è già molto importante".
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA