Amatrice,nuovo sindaco vicino c.sinistra

Ma Lega alle Europee al 42,65%. Accumoli resta ad area c.destra

(ANSA) - RIETI, 28 MAG - Amatrice, il comune del Reatino colpito dal sisma del 24 agosto 2016, ha deciso di voltare pagina. A vincere le elezioni, dopo la reggenza del sindaco facente funzione, Filippo Palombini, poi diventato candidato con la sua lista 'Per Amatrice e le sue frazioni', è stato Antonio Fontanella, volto noto all'ombra della Laga, di area centrosinistra. Tra i due candidati, a conti fatti e con qualche polemica allo scrutinio, c'è stato uno scarto di 33 voti - quando sono state scrutinate due sezioni su tre - tanti ne sono bastati a Fontanella per tornare alla guida del Comune con la lista 'Ricostruiamo insieme'. Fontanella, 68 anni, sarà sindaco di Amatrice per la terza volta dopo i due mandati che lo videro protagonista tra il 1995 e il 2004. Oggi ad attendere il neo primo cittadino, in una cittadina che alle Europee ha dato alla Lega il 42,65% dei consensi, ci sono sfide vitali per il futuro del paese raso al suolo dal terremoto. "Sarà un impegno ancora più gravoso - ha detto commentando la vittoria - , ma sono convinto che con l'impegno di tutti possiamo pensare di dare un futuro al nostro territorio e alla nostra gente". Sceglie, invece, la continuità, Accumoli, l'altro comune del Reatino che non c'è più, epicentro del terremoto di tre anni fa, dove alle Europee la Lega è arrivata al 45,25%. A guidarlo sarà Franca D'Angeli, che ha vinto con la lista 'Insieme per Accumoli' - di area centrodestra - e un solo voto di scarto (199 a 198) sul suo sfidante, Francesco Anselmo Nigro. D'Angeli, insegnante di 65 anni, sostenuta dal primo cittadino uscente Stefano Petrucci (che sarà suo vice), era stata assessore nella passata giunta. "Il nostro - ha detto la neo sindaca - è un Comune che ha ancora grandi difficoltà. La ricostruzione ancora non si vede. Siamo in emergenza e rischiamo uno spopolamento ancora più forte".(ANSA).
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA