Ristoratore Norcia, con Dpcm è disastro assoluto

"A quattro anni prima scossa abbiamo perso anche la speranza"

(ANSA) - PERUGIA, 25 OTT - "E' un disastro assoluto, così siamo costretti a chiudere, forse per sempre": Alberto Allegrini, ristoratore di Norcia e presidente di Confcommercio Valnerina, parla all'ANSA dopo l'ultimo Dpcm anti Covid che impone la chiusura dei ristoranti alle 18, lasciandoli aperti invece la domenica. "Tutto questo entrerà in vigore in una giornata particolare per noi terremotati - ricorda Allegrini - perché il 26 ottobre di 4 anni fa ci fu una scossa di magnitudo 5,9 che di fatto ci avvertì e quindi ci salvò da quella ancora più grande del 30 ottobre. Questo 26 ottobre segna invece la fine di tutto, abbiamo perso anche la speranza". "Il nuovo decreto oltre a colpire direttamente noi ristoratori - dice ancora Allegrini - mette in ginocchio anche il resto dei commercianti con la storia che sono sconsigliati i movimenti. Pur comprendendo la delicata situazione sanitaria - sottolinea il ristoratore - faccio molta fatica a comprendere la strategia complessiva, credo che questi decreti non abbiano una logica". (ANSA).
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA




Modifica consenso Cookie