Nuova esondazione del fiume Idice, nel Bolognese

Il comune di Budrio ordina l'evacuazione delle strade vicino agli argini. Lento ritorno alla normalità in Alto Adige

Il maltempo continua a imperversare su gran parte dell'Italia, con piogge intense e rischi di allagamenti e esondazione.

Il fiume Idice è nuovamente esondato nel Bolognese, nel territorio di Budrio già colpito domenica. Lo comunica il Comune di Budrio, anche sui social, ordinando l'evacuazione immediata di strade in prossimità degli argini. Il nuovo innalzamento del livello del fiume è stato provocato dalle piogge della notte. La fuoriuscita di acqua dalla 'falla' è, a quanto si apprende, di portata inferiore a quella di due giorni fa. Al lavoro diverse squadre di vigili del fuoco, protezione civile, forze dell'ordine e volontari.

Sbloccati 65 milioni di euro per Venezia.

Lento ritorno a normalità in Alto Adige, ancora 1.200 senza luce. Dopo le intense precipitazioni nevose dei giorni scorsi si registra un lento rientro alla normalità. L'ultima ondata di precipitazioni fortunatamente è stata meno intensa del previsto. In mattinata è stata riaperta la strada statale della val Badia, isolata da giorni. Sono comunque ancora 36 le strade statali e provinciali chiuse per motivi di sicurezza. Alle 4 di notte a Chiusa, in valle Isarco, nei pressi del casello autostradale, una colata di fango e sassi è finita su una strada provinciale già chiusa al traffico. In alta val Martello 47 persone, evacuate nei giorni scorsi, per il momento non possono fare ritorno nelle loro abitazioni. Sono ancora 1.200 le utenze in tutta la provincia colpite dal blackout. In val d'Ultimo nella notte sono caduti 10 centimetri di neve fresca, nel corso della giornata sono attesi altri 10 e poi la perturbazione dovrebbe spostarsi. Restano chiusi per motivi di sicurezza Passo della Mendola, Passo Giovo, Passo Lavazè, Passo Gardena, Passo Sella, Passo Pordoi, Passo Campolongo (versante bellunese), Passo Valparola, Passo Falzarego, Passo delle Erbe e Passo Furcia, come anche l'accesso a Passo Stelvio tra Gomagoi e Trafoi. Chiusure con deviazioni locali e sensi unici alternati vengono segnalate dalla statale della Val Venosta e quella della Val Pusteria. Restano bloccate la SS 48bis tra Misurina e Carbonin, la statale di passo Rombo dal bivio per Stulles, la statale Alemagna tra Dobbiaco e Cimabanche e la statale della Val Gardena a Plan. In Val Martello si circola solo fino a Ganda e in val Senales fino a Vernago. E' ancora lungo l'elenco di strade provinciali chiuse.

Allagamenti e scuole chiuse nell'Alessandrino. Pioggia e neve continuano a cadere in provincia di Alessandria soprattutto nelle zone appenniniche, al confine con la Liguria, e fino a bassa quota sulle valli Erro e Bormida. La protezione civile segnala allagamenti anche nell'Alessandrino e in Alto Monferrato. Le scuole sono chiuse in 36 Comuni. Ad Alessandria le lezioni sono state sospese nella scuola media del sobborgo di Spinetta Marengo. A Bosco Marengo i vigili del fuoco sono intervenuti per un'automobile bloccata in un sottopasso: al loro arrivo, nella vettura non c'era nessuno.

Rischio smottamento, evacuate due famiglie vicino Roma. Evacuate due famiglie ieri a Lanuvio, vicino Roma, a causa del maltempo. I carabinieri della stazione di Lanuvio e i vigili del fuoco sono intervenuti in via Ezio Tarantelli dove, a causa delle forti piogge, si è aperta una voragine in corrispondenza della rete fognaria. Secondo quanto si è appreso, l'amministrazione comunale ha stabilito lo sgombero di due nuclei familiari per il pericolo di uno smottamento del terreno. Le famiglie sono state accolte in un agriturismo della zona.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA