E' morto Antonello Falqui, il padre del varietà

Suoi Studio Uno e Canzonissima, lanciò Mina e le gemelle Kessler

Addio a Antonello Falqui. Se ne è andato con leggerezza e ironia, come aveva vissuto e aveva insegnato a vivere a intere generazioni di italiani. La notizia della scomparsa del padre del varietà all'italiana e artefice del successo di tanti grandi personaggi dello spettacolo, ha fatto subito il giro del web nel modo più singolare: "Sono partito per un lungo lungo lungo viaggio" - è il testo di un post apparso sui suoi profili facebook e twitter - potete venire a salutarmi lunedì 18 novembre alle 11 alla chiesa di Sant'Eugenio a viale Belle Arti a Roma".

 

 

Immediatamente dopo centinaia di messaggi di cordoglio hanno invaso la rete, personaggi dello spettacolo ma anche tanta gente comune. Ovunque hanno cominciato a rimbalzare gli spezzoni dei suoi varietà, Studio Uno e Canzonissima i più famosi, e i volti dei loro protagonisti: da Mina a Walter Chiari, da Paolo Panelli a Bice Valori, da Franca Valeri alle gemelle Kessler. Pochi giorni fa aveva compiuto 94 anni.

 

"Addio Antonello Falqui, un grande della nostra TV. Lo accompagno con le mie preghiere", scrive Raffaella Carrà su Twitter.

"Un genio della televisione, un maestro indiscusso che ha scritto alcune delle pagine più belle del servizio pubblico. I suoi programmi più famosi come Studio Uno, Canzonissima, il Musichiere o Milleluci oltre ad aver segnato un'epoca, quella della tv in bianco e nero, costituiscono ancora oggi esempi di scuola a cui attingere a piene mani. La sua visione, la sua attenzione alla qualità e il suo tocco elegante costituiscono un'eredità di cui la nostra azienda sarà eternamente grata". Così ricordano in una nota "il padre del varietà telelevisivo" il presidente della Rai, Marcello Foa, e l'ad Fabrizio Salini.

Il commento sotto ad un video sul sito Rai, che mostra una delle ultime interviste ad Antonello Falqui. "Il programma più importante che ho fatto è stato Studio Uno" rivela Falqui nel filmato. "Anche oggi fanno C'era una volta Studio Uno...". Intanto scorrono i titoli di coda dello show ancora in bianco e nero: "Regia di Antonello Falqui. Testi di Lina Werthmuller". "Studio Uno nasce con una normale rivista - prosegue Falqui - televisiva però. Di solito la rivista è quella teatrale, che però è piena di scenografie. A Studio Uno non ci sono". "Il primo conduttore era Luttazzi. Poi Panelli, Walter Chiari, Mina".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA