Kosslick, Berlinale complessa come mondo

Fra "me too" terrorismo e profughi. E molti giovani italiani

(ANSA) - BERLINO, 6 FEB - Diciannove film in programma dimostreranno ancora una volta che "il mondo è complesso", alla Berlinale 2018 fra "me too", terrorismo e profughi e molti italiani. Mentre sul red carpet sono attesi, dal 15 febbraio al 25, Tilda Swinton, Isabelle Huppert, Robert Pattison e Joaquin Phoenix. Presidente della giuria internazionale è il regista tedesco Tom Tykwer. E l'Orso d'oro alla carriera andrà a Willem Dafoe. "Il concorso di quest'anno rispecchia il mondo così come è. E il mondo è complesso, poliedrico ma anche avvincente" afferma il direttore artistico Dieter Kosslick. E dopo aver messo alla porta i film di registi e produttori che avevano ammesso di esser coinvolti nello scandalo sulle molestie, la Berlinale annuncia di voler anche affrontare il tema "me too".
    Con lo slogan "no alla discriminazione", si offre addirittura una consulenza anonima e gratuita a chi ha vissuto casi del genere.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA