I 95 anni di Franco Zeffirelli, 'non ho rinunciato ai sogni'

Come va? Non mi lamento. Italia desolante, ma bisogna sperare

        "Come sto? Tutto sommato non mi posso lamentare data la mia età. Quindi mi sento bene, è il fisico che ha iniziato a fare capricci". Franco Zeffirelli, il maestro che è stato attore, scenografo, sceneggiatore, costumista, anche pittore ma soprattutto regista, di film, prosa e lirica, domani 12 febbraio compie 95 anni. "Un bravo ragazzo con la fortuna di avere molti talenti" e "solo idee geniali", così si è descritto qualche anno fa, il bambino dall'infanzia "complicata" a Firenze, sua città natale, il più internazionale dei registi italiani, ironico, polemico, passionale. Anche il grande tifoso della Fiorentina - "la porto sempre nel cuore anche se la seguo meno" - che, disse una volta, all'Oscar avrebbe preferito uno scudetto. "Mi reputo fortunato - racconta oggi -. Ho avuto molti momenti importanti nella mia carriera. Ho conosciuto e collaborato con i grandi nel mondo della musica classica, dell'opera, del teatro, del cinema. Regalandoci e regalando al nostro pubblico momenti memorabili". L'elenco è lungo: da Luchino Visconti, il suo di maestro - "mi ha insegnato e forgiato al mestiere" - a Maria Callas - "la diva per eccellenza, l'artista più straordinaria e più completa" -, "da Domingo a Pavarotti, dalla Taylor e Burton a Lawrence Olivier, Mel Gibson, Glen Close, Judy Dench, Maggie Smith e così via". E poi "i grandi direttori d'orchestra: Serafin, Von Karajan, Bernstein, Kleiber". Zeffirelli ricorda anche Coco Chanel: poco dopo averla conosciuta a Parigi "mi regalò una cartella con 12 disegni di Matisse. Ero all'inizio della mia carriera e quei disegni mi sono serviti, vendendoli uno alla volta, per affrontare momenti di crisi economica, dandomi così la possibilità di sopravvivere e di non rinunciare al mio lavoro". Fatto anche di difficoltà, ma "per me e per l'amore che dedicavo al mio lavoro tutto diventava passione e divertimento". Meno lusinghiero il giudizio sul mondo dello spettacolo oggi: "Vive un periodo di decadenza, sono venuti a mancare i grandi interpreti, i grandi registi, i grandi scrittori del cinema e del teatro che tutto il mondo ci invidiava". E anche in generale sull'Italia (tanto amata ma "dove per questioni ideologiche ho sempre dovuto lottare"): "Mi sgomenta sotto ogni punto di vista ma bisogna sempre sperare che le cose migliorino". La sua carriera lunga 70 anni ora è raccolta a Firenze, al Centro internazionale per le arti dello spettacolo Franco Zeffirelli, che accoglie disegni, bozzetti, copioni, sceneggiature, libretti d'opera, foto, filmati e che per il suo compleanno sarà aperto gratuitamente. Un archivio per il quale, "ho lottato tanto perché" non si disperdesse: "Ora mi sento più tranquillo e mi auguro che il pubblico lo apprezzi". E un progetto rimasto nel cassetto? "Rimpiango di non essere riuscito a realizzare il mio film 'I Fiorentini'. Un grande progetto che comincia con la morte di Lorenzo il Magnifico e il rientro a Firenze di Michelangelo e Leonardo. Una grande pennellata sulla creazione del Davide e della Monna Lisa e di un ipotetico rapporto di invidia ma allo stesso tempo di rispetto tra questi due 'mostri sacri'". Come, tra 100 anni, vorrebbe essere ricordato? "Lascio dietro di me un grande patrimonio artistico: decine dì film e tante riprese dei miei spettacoli d'opera da tutti i più grandi teatri del mondo". Proprio per festeggiare i suoi 95 anni, il Teatro alla Scala, dall'8 maggio al 3 giugno, riproporrà il leggendario allestimento dell'Aida di Zeffirelli del 1963, con le scene dipinte da Lila De Nobili. Dal 23 giugno invece l'Arena di Verona metterà in scena per 16 repliche la sua Aida con i costumi di Anna Anni- 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA